Ferie di Augusto, chiusura con “sold out”

Tutto esaurito anche per l'ultima data del festival teatrale che si è svolto al sito archeologico di Bene Vagienna

Sold out anche per l'ultimo spettacolo delle

Sold out anche per il quarto ed ultimo spettacolo in cartellone, come lo era stato per le date precedenti. Lo scorso 13 settembre, al sito archeologico di frazione Roncaglia si è conclusa una stagione d’oro per le “Ferie di Augusto”, il festival teatrale che si svolge ogni anno a Bene Vagienna. Quella del 2020 è stata la quindicesima edizione, che Amministrazione comunale, Fondazione Teatro nuovo e Compagnia Torino Spettacoli hanno voluto organizzare nonostante le difficoltà legate al coronavirus; solo, si è dovuto rinunciare alla parte del festival che avrebbe coinvolto, come attori e spettatori, giovani di tante scuole italiane.

Fanno eccezione, da questo punto di vista, ragazze e ragazze del liceo Erba di Torino: a loro, i “Germana Erba’s talent”, è stato affidato il compito di chiudere il festival. E i giovani talenti lo hanno fatto lo scorso 13 settembre, proponendo il “Galà di musica, danza e teatro” . Il pubblico ha potuto apprezzare una kermesse che ha spaziato dal grande repertorio del balletto classico alle nuove creazioni fino alla prosa brillante e che ha portato in scena una selezione di momenti coreografici e canori tratti dal repertorio del grande teatro musicale.

“Questo galà è stato anche un «talent» - sottolinea l’architetto Gian Mesturino, storico organizzatore delle Ferie di Augusto -. Questi giovani si sono esercitati, nei mesi del lockdown, appoggiandosi ai mobili di casa e hanno danzato, cantato e recitato avendo come spettatore un vecchio orsetto di peluche… Il successone del 13 settembre ha decretato il trionfo del loro ritorno insieme sull’antico palcoscenico romano, da cui partono per affrontare, come tantissimi loro predecessori, prestigiosi palcoscenici di tutto il mondo”.