Bollettino Covid: +29 ricoveri in una settimana in Piemonte. Ora sono 193

Numeri in crescita: le terapie intensive passano da 7 a 12. I casi a Fossano restano 18

Covid 19 Foto Di Fusion Medical Animation Su Unsplash02
Foto di Fusion Medical Animation - Unsplash

Sono sempre 18, nell’ultimo aggiornamento fornito dal sindaco, le persone positive al Covid residenti a Fossano. E 28 quelle in isolamento fiduciario. Il dato - esposto lunedì 28 settembre in Consiglio comunale - corrisponde a quello della scorsa settimana e lascia Fossano nella posizione della terza città per numero di contagi della Granda, in compagnia di Bra, dietro a Cuneo, schizzato da 29 a 48, e a San Michele Mondovì, dove si è acceso un focolaio alla Scuola media e ora i positivi sono 19. Nell’hinterland Fossanese, scende Trinità (da 2 a 1), resta a 1 Marene ed emergono 4 nuovi casi, di cui 2 a Bene Vagienna e 1 a testa a Villafalletto e Sant’Albano.

La sostanziale stabilità di Fossano e del suo hinterland si misura, tuttavia, con una crescita complessiva di casi, più marcata questa settimana sia a livello provinciale che regionale. Ciò anche per effetto di un maggior numero di tamponi: 37.707 per una media di 5.386 al giorno (dal 15 al 22 settembre erano stati 4.576).

In Granda, secondo il bollettino di martedì 29 settembre, gli attualmente positivi sono 312: ovvero 75 in più di sette giorni fa (quella prima erano stati 2 in meno). Il numero maggiore di contagi è a Cuneo con 48. Sopra i 10 casi - dopo San Michele Mondovì, Fossano e Bra - ci sono anche Sommariva Bosco e Borgo San Dalmazzo con 14 e Mondovì con 11. I Comuni con almeno un positivo sono 71 (erano 59 sette giorni fa). I Covid-free scendono a 176. Negli ultimi sette giorni la Granda ha pianto anche un nuovo deceduto (ora sono 401) e salutato 42 nuove guarigioni.

L’incremento della curva dei contagi è ancora più rilevante se si guarda a tutto il Piemonte. Martedì 29 settembre sono 3.096: +338 in una settimana (in quella precedente la crescita era stata di 284 unità). Ma il vero elemento di preoccupazione, che non dipende dai tamponi effettuati, è legato alla crescita dei ricoveri in ospedale (ora sono 193, + 29 rispetto a martedì 22) e di quelli in terapia intensiva (12, +5), mentre salgono anche gli isolamenti domiciliari (2.527, +305). Aumentano anche i decessi, che toccano quota 4.163 (+7) ma, per fortuna, pure i guariti: 372 in una settimana. Altri 364 sono “in via di guarigione”, ossia negativi al primo tampone di verifica, dopo la malattia, e in attesa dell’esito del secondo. Tra le città, Torino è passata da 521 a 592 positivi, Novara da 185 a 207, Vercelli è calata da 69 a 62, ora tallonata da Alessandria risalita da 42 a 56. Seguono Asti con 37, Moncalieri e Nichelino con 36, Settimo Torinese con 23, Casale Monferrato, Collegno e Trecate con 21. Tutti gli altri sono sotto i 20.