Acli Cuneo verso il 32° congresso provinciale

Si terrà sabato 3 ottobre a Cussanio

Acli Fossano Sede

Ultimi preparativi per il 32° Congresso provinciale delle Acli di Cuneo, che si svolgerà sabato 3 ottobre, a partire dalle 8,30, all’hotel Giardino dei tigli a Cussanio.
Il Congresso, che ha per titolo: “Acli 2020. Più uguali. Viviamo il presente, costruiamo il domani”, era stato fissato per domenica 15 marzo, ma a causa dell’emergenza sanitaria si è dovuto rimandare; ora, nel rispetto delle norme e delle disposizioni in vigore in materia di prevenzione, sarà finalmente possibile vivere questo importante momento.
Dal confronto democratico del Congresso emergeranno le linee guida per il lavoro del nuovo Consiglio provinciale e della futura presidenza, che per i prossimi quattro anni si assumeranno il compito e la responsabilità di portare avanti l’associazione con il massimo impegno, nel pieno rispetto degli ideali fondanti delle Acli.
In preparazione all’evento, già nei mesi di gennaio e febbraio, si erano svolte delle riunioni precongressuali, nelle varie zone della provincia, che avevano visto protagonisti i circoli, con i rappresentanti dell’associazione a livello dirigenziale, tecnico e politico. Durante le assemblee si era provveduto ad eleggere i delegati al Congresso provinciale e in buona parte a rinnovare gli organi sociali.
“Quello del Congresso è un momento importante di democrazia associativa - dice il presidente provinciale delle Acli di Cuneo, Elio Lingua - che ogni quattro anni ci invita a un nuovo inizio, attraverso la capacità di rinnovarci e di individuare nuovi strumenti per continuare a essere quel movimento educativo e sociale che le Acli sono sempre state. Il Congresso è un appuntamento prezioso, perché ci chiama a ritornare alle origini della nostra identità, con le tre fedeltà al lavoro, alla democrazia e alla Chiesa, ma ci impegna anche a declinarle nella complessità del tempo presente”.
I lavori del Congresso inizieranno alle 9 con una riflessione spirituale, seguita dall’apertura dei lavori, con gli adempimenti congressuali, e dalla relazione del presidente provinciale, Elio Lingua.
Seguiranno gli interventi istituzionali e il dibattito sulla verifica del quadriennio svolto e sulle prospettive di quello a venire; subito dopo il pranzo insieme, si procederà all’elezione del nuovo Consiglio provinciale e dei delegati al Congresso regionale e a quello nazionale. Il nuovo Consiglio, nella sua prima convocazione, procederà poi alla elezione del presidente provinciale e del Consiglio di presidenza.