Maltempo, situazione critica in valle Vermenagna, valle Roya e valle Tanaro

Limone sott'acqua, livelli di guardia a Garessio. Crollato il ponte romano a Bagnasco. Tenda è isolata

Ponte Sul Pesio
Il torrente Pesio, a Chiusa di Pesio, venerdì sera 2 ottobre alle 19

Gravi danni per il maltempo in provincia di Cuneo. Il torrente Vermenagna ha esondato nel centro di Limone Piemonte, che è stato invaso dall’acqua. Numerosi gli smottamenti e allagamenti anche sulla strada dei parcheggi degli impianti di sci a Limonetto. A Garessio il fiume Tanaro è cresciuto di portata nel giro di poche ore arrivando a lambire il ponte Odasso nel centro del paese, lo stesso che è già stato investito dalle alluvioni del 1994, 2016 e 2019. A Bagasco, nella notte, è crollato il ponte romano, travolto dalla piena. Era un simbolo del paese. Dal lato francese arrivano notizie di frane in valle Roya sotto il traforo del colle di Tenda e nella zona di San Dalmas de Tende dove una frana ha invaso la route departementale, chiusa a tempo indeterminato. Verso le 22 di venerdì a Tenda è crollato il ponte romanico sulla strada departemental 6204 tra il paese (ora isolato) e Saint Dalmas.

Già nel pomeriggio di venerdì è stata chiusa la strada provinciale 251 del colle dell’Agnello in alta valle Varaita che resterà chiusa fino alle 12 di lunedì 5 ottobre. Chiusura anche in valle Gesso per il tratto lungo la provinciale 301 tronco Entracque-San Giacomo dal km 5 del bivio delle Rovine e per la strada per Terme di Valdieri da Tetti Gaina. In valle Vermenagna è stata chiusa la provinciale 278 Vernante-Folchi in corrispondenza del ponte sul torrente Vermenagna a Vernante e in serata anche la provinciale 154 nel tratto Ponte di Nava-Viozene al km 1+600. Venerdì sera (ore 22) la Provinncia ha anche chiuso la provinciale 255 dal km 3+550 (località Aie) Sant’Anna di Vinadio – Colle della Lombarda dopo aver constatato la caduta di un albero che ostruisce la carreggiata e la presenza di una frana oltre la località Baraccone. Le intense piogge che hanno interessato la zona potrebbero aver arrecato ulteriori danni e le previsioni del tempo indicano la possibilità di 25-27 cm di neve sul Colle della Lombarda.

L’allerta arancione proseguirà anche tutto il giorno di sabato. Nel palazzo della Provincia a Cuneo sono aperti gli uffici di Protezione civile e Viabilità in modalità h24 per assicurare i servizi di monitoraggio e pronto intervento in caso di necessità. Il bollettino diramato dall’Arpa Piemonte segnala piogge intese su Monregalese e valle Tanaro con rischi idrogeologici di allagamenti, attivazione frane e smottamenti di versante e innalzamenti dei corsi d’acqua con limitate esondazioni. Tra le zone sotto controllo ci sono anche le valli Varaita, Maira, Stura e Tanaro, mentre c’è allerta gialla per la valle Po e la zona montana e di pianura verso il Torinese. Il consiglio dell’Arpa è di prestare prudenza negli spostamenti.

A Fossano, invece, la situazione è sotto controllo. Non piove dalle 4 del mattino e, anche se Stura nella notte è arrivato a livelli di guardia, non si sono verificati particolari inconvenienti e non è stato necessario intervenire su alcuna situazione.