Caccia al toro nelle campagne di Centallo

L'animale è fuggito mercoledì sera dal macello di Centallo

centallo forze dell'ordine

Non è ancora terminata la caccia al toro fuggito mercoledì sera dal macello di Centallo. Le forze dell'ordine hanno perlustrato questa mattina l'area adiacente al torrente Grana, su entrambe le sponde del fiume fino a Levaldigi, con l'aiuto di due cacciatori. Ma il toro non è stato ancora localizzato. Le ricerche sono state sospese nel pomeriggio di giovedì e riprenderanno domani mattina. La Polizia locale di Centallo invita a chiamare il 112 - Numero Unico Emergenze - nel caso in cui venisse avvistato.

Del caso si sono interessate anche alcune Associazioni animaliste, che avrebbero individuato anche una soluzione alternativa: l'ospitalità al toro in un rifugio per grandi animali in provincia di Asti, in alternativa a un eventuale abbattimento per ragioni di pubblicato sicurezza che - sostengono - precluderebbe anche alla macellazione.

"Il nostro primo obiettivo - taglia corto il comandante della Polizia locale Davide Scicolone - è tutelare l'incolumità pubblica. Poi toccherà al proprietario disporne come meglio crede".