Il futuro di Centallo in tre cantieri lungo la passeggiata del Convento

La scorsa settimana sono partiti i lavori per supermercato e nuova pavimentazione del campo sportivo. Presto si aggiungerà anche l'aula didattica all'aperto

Centallo, i lavori al nuovo supermercato
Centallo, i lavori al nuovo supermercato

Sono partiti insieme, la scorsa settimana, i cantieri per la ripavimentazione del campo sportivo di via delle Scuole e per la costruzione del nuovo supermercato lungo la Statale 20. Distanti poche decine di metri l’uno dall’altro, contribuiranno, ognuno nel proprio campo, a disegnare un pezzo della Centallo di domani.

Il primo vede al lavoro mezzi e uomini della ditta Italgreen, scelta dal Comune per posare il nuovo manto in erba sintetica con intasi naturali sul campo da calcio oggi in gestione alla Giovanile Centallo: una pavimentazione che ne consentirà un maggiore sfruttamento a costi di manutenzione più contenuti. L’investimento è a carico del Comune, che lo ha coperto in parte con un mutuo a tasso zero acceso presso l’Istituto di credito sportivo (300 mila euro) e in parte con risorse proprie (180 mila euro). Il tempo previsto da contratto è di 89 giorni lavorativi. In parallelo, la ditta Olivero provvederà al rifacimento dell’illuminazione pubblica del campo sportivo: un intervento da 110 mila euro, di cui 70 in arrivo dallo Stato, anch’esso prossimo a partire.

Il secondo cantiere è, invece, di carattere privato. Lo ha avviato la ditta che costruirà il nuovo supermercato della catena Prestofresco sulle ceneri dell’ex Consorzio agrario, demolito circa un anno fa. Anche in questo caso, i tempi non dovrebbero essere lunghi, a giudicare dalla sagoma del nuovo fabbricato che già si comincia a intravedere.

In mezzo ai due cantieri ce n’è un terzo, di analoga importanza, ormai sulla rampa di lancio. È quello per l’aula didattica all’aperto voluta dall’Amministrazione Chiavassa, che dovrà essere pronta entro fine anno. Dell’aula didattica si è parlato mercoledì sera in Consiglio comunale con la variazione al bilancio che ha incamerato gli ultimi 35 mila euro di contributo in arrivo dalla Fondazione Crf. Complessivamente, ora, l’investimento è di 115 mila euro, frutto anche della somma messa a disposizione dal Comune (30 mila) e dei contributi erogati da Fondazione Crc (10 mila) e ministero dell’Istruzione (a cui si deve la scadenza del 31 dicembre). Sempre mercoledì, terminato il Consiglio, la Giunta ha approvato anche il progetto definitivo, per ridurre i tempi dell’iter procedurale. Affidato all’architetto Dadone di Mondovì, prevede la costruzione di un anfiteatro (che ne delimiterà il confine sul lato del campo Braida e avrà anche funzione di seduta), la messa a dimora di alberi, la sistemazione di una siepe, la semina del prato, l’impianto di irrigazione e un camminamento centrale che si aprirà in una rotonda attorno alla quale verranno sistemati i giochi del parco inclusivo, fruibile anche dai bambini disabili. Il progetto è stato condiviso con la minoranza consiliare che ha dato la propria “benedizione” anche all’ultima variazione. Il prossimo passo sarà la gara d’appalto per individuare la ditta che eseguirà i lavori.

“Aula didattica e campo sportivo sono due facce della stessa medaglia - spiega il sindaco Giuseppe Chiavassa -. Tutti e due contribuiranno a dar vita a un polo sportivo e scolastico all’aria aperta, utilizzabile anche d’inverno. Il nostro riferimento sono le scuole del Nord Europa, dove bambini e ragazzi sono abituati a star fuori e assistere alle lezioni in ogni periodo dell’anno. La vicinanza con la scuola, la portata dell’investimento, divenuto più corposo con il sostegno di generosi sponsor e la collaborazione di tutta l’Amministrazione, minoranza compresa, ci aiuteranno a perseguire questo obiettivo”.

Su "la Fedeltà" di mercoledì 7 ottobre