Un’altra “Boteriana” a Bene Vagienna

Lo scorso sabato un convegno sul filosofo citato anche da Manzoni - In arrivo nuovi eventi culturali

A Bene Vagienna un convegno dedicato al filosofo Giovanni Botero

Un’altra “boteriana”, cioè una mattinata di studi dedicata a Giovanni Botero, il filosofo di Bene Vagienna che fu campione della Controriforma e a due secoli di distanza venne citato perfino da Manzoni ne “I promessi sposi”. L’ha organizzata l’associazione culturale “Amici di Bene” lo scorso 10 ottobre al palazzo dei Nobili a Bene Vagienna, dov’è stato possibile ascoltare la voce di numerosi studiosi, presenti fisicamente o collegatisi tramite il web. “Attorno al «De regia sapientia» - Le forme della politica nelle prime opere di Giovanni Botero” era il tema del convegno, coordinato da Blythe Alice Raviola dell’Università degli studi di Milano e presieduto da Chiara Continisio dell’Università cattolica di Milano.

Dal 2017, quando si sono celebrati i 400 anni dalla morte del filosofo, sono state organizzate numerose iniziative in suo ricordo, che hanno permesso, coinvolgendo tanti studiosi, di conoscere meglio le sue opere e il suo pensiero. Nel luglio di quell’anno, Bene Vagienna ospitò perfino l’affermato economista norvegese Erik S. Reinert che, essendosi spesso occupato di Botero nei suoi studi, volle recarsi nella città natale del filosofo per tributargli un omaggio. Da ricordare, ancora, come una studiosa proprio di Bene Vagienna, Claudia Oreglia, abbia curato  - sempre per i quattro secoli dalla scomparsi dell’illustre concittadino – la ristampa di una delle sue opere per l’editore Nino Aragno: è “Delle cause della grandezza della città” che, pur non essendo famosa quanto lo scritto “Della ragion di Stato”, meritava anch’essa di essere riscoperta.

Nelle prossime settimane, gli “Amici di Bene” proporranno altri convegni dedicati ad altri importanti personaggi del passato. Sabato 17 ottobre si parlerà di “Gorgio Mario Lombardi: giurista, storico e amministratore a dieci anni dalla scomparsa” (dell’illustre costituzionalista, morto nel 2010, sarà presente il figlio Marco, ambasciatore), mentre sabato 24 il tema sarà “Nel bicentenario della nascita di Vittorio Emanuele II: dai Costa al duca del Chiablese”; l’appuntamento è sempre alle 9,30, al palazzo dei Nobili. L’accesso all’edificio è limitato dalle norme anti-contagio contro il coronavirus in vigore: è possibile seguire i convegni “in diretta” tramite i canali web dell’associazione, collegandosi al sito www.amicidibene.it.