Mostra Lavrova, altri due giorni d’apertura

L'artista ha rivisitato "Madonne e santi" tardo-gotici di chiese e cappelle della Granda: ora espone in San Giovanni a Fossano

Nadia Lavrova espone in San Giovanni

Due giorni di apertura straordinaria, oltre la data di chiusura fissata a domenica scorsa, per “Madonna e santi”, la mostra itinerante di Nadia Lavrova ospitata nella chiesa di San Giovanni a Fossano. L’appuntamento è per sabato 24 e domenica 25 ottobre, quando si potrà accedere all’edificio dalle 15 alle 18,30. Lo comunica il Comitato di quartiere di borgo Vecchio, che ha organizzato l’esposizione e che annuncia un’altra novità. Si potrà infatti ammirare anche “una piccola galleria di paesaggi con tecnica a pastello realizzata dal marito dell’artista, Pierre Tchakhotine”.

Nei suoi acquerelli, Lavrova ha rivisitato le madonne e i santi degli affreschi tardo-gotici presenti in chiese e cappelle della provincia di Cuneo: un lavoro che non ha precedenti e che contribuisce a far scoprire, al di fuori della Granda, un momento importante della storia artistica di questa terra. Organizzata non a caso come mostra itinerante, “Madonne e santi” è stata accolta in numerosi centri prima di approdare a Fossano, tredicesima tappa. Attualmente i dipinti sono attesi anche in Russia, dove quattro musei statali hanno espresso la richiesta di poterli esporre.

La tappa nella città degli Acaja è stata organizzata  in collaborazione con la Fondazione Cassa di risparmio di Fossano e ha il patrocinio del Comune di Fossano. Il curatore della mostra è lo stesso Tchakhotine che esporrà, a sua volta, durante le aperture straordinarie del 24 e 25 ottobre. Come per i precedenti giorni di apertura, l’ingresso è libero; ulteriori informazioni al 336.899859.