Rientro a scuola, Borgna: “serve cautela”

Scuola Banchi - foto di repertorio
Foto Sir

In merito alla proposta di riapertura delle scuole in presenza a partire dal 9 dicembre prossimo prospettata dalla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, il presidente della Provincia Federico Borgna condivide quanto espresso dal presidente dell’Upi (Unione Province d’Italia), Michele de Pascale. Spiega Borgna: “Stiamo passando troppo frequentemente da un eccesso all’altro, prima tutti in didattica a distanza, poi tutti in presenza, poi di nuovo tutti in Dad e ora di nuovo tutti in presenza? Occorre muoversi per fasi, raggiungendo di volta in volta la più alta percentuale possibile in presenza, ma continuando anche ad utilizzare, a turno, gli strumenti di didattica digitale integrata che consentono di evitare le situazioni a più alto rischio di diffusione del contagio. Partiamo potenziando quanto già si sta facendo sulle attività laboratoriali o per le ragazze e i ragazzi con bisogni educativi speciali, che non possono essere gli unici in presenza, con chiari rischi di discriminazione”.