Al Cnos-Fap di Fossano i camion del futuro

L'Istituto salesiano coinvolto in un progetto che investe su mezzi pesanti alimentati da gas naturale: Iveco ne è partner

Al Cnos Fap di Fossano progetto sui camion del futuro

Verso il futuro. A bordo di camion “green”, meno inquinanti dei loro predecessori. E con partenza al Cnos Fap di Fossano, il Centro di formazioni salesiana in via Verdi.

L’Istituto è coinvolto in “TechPro²”, un ampio progetto nato oltre dieci anni da dalla collaborazione di Cnh Industrial e Fiat Chrysler Automobiles con appunto il  Centro nazionale Opere salesiane Formazione aggiornamento professionale, cioè il Cnos Fap. Di recente il progetto “ha ricevuto anche il sostegno del Fondo di solidarietà” promosso sempre da Cnh industrial, che ha destinato 2 milioni di dollari per “progetti che supportino in particolare le persone e le comunità locali colpite dalla pandemia di Covid-19”. “Grazie a questo ulteriore impulso che ha per obiettivo l’educazione scolastica, una delle tre aree di intervento identificate per il finanziamento dei progetti - spiegano da Cnh Industrial -, è stato possibile inaugurare un nuovo corso di formazione in collaborazione con il Centro di formazione professionale e l’istituto salesiano Maria Ausiliatrice di Fossano”.

Di che cosa si tratta? Continuano da Cnh industrial: “Il nuovo corso di Fossano rivolgerà una particolare attenzione alla gamma dei modelli a trazione alternativa, in particolare a Gas naturale liquefatto, Gnl, e lo svilupperà grazie a Iveco, brand del del nostro gruppo e leader nelle trazioni alternative e nella tecnologia del gas naturale”. Iveco metterà a disposizione veicoli, attrezzature, strumenti di diagnosi e competenze tecniche per consentire agli studenti di “ampliare e approfondire le loro conoscenze nel campo della prevenzione e della manutenzione”. Il mercato dei veicoli a gas naturale è peraltro in crescita sul territorio italiano, dove sono presenti circa 80 stazioni di rifornimento, e iniziative analoghe a quella che sta per approdare a Fossano sono già state lanciate in altre città, a Roma e Verona.

“L’obiettivo principale del programma TechPro² - dicono ancora da Cnh industrial - è quello di formare studenti tra i 14 e i 18 anni: dal 2008 a oggi, quasi 2300 ragazzi e ragazze di tutto il mondo hanno potuto beneficiare dei vantaggi di questo programma. La formazione erogata, altamente qualificata del mondo automotive e dei mezzi industriali, permette loro di incrementare le possibilità di trovare un lavoro soprattutto all’interno della nostra rete di assistenza. La formazione prevede una parte teorica e una pratica, e queste conoscenze potranno essere consolidate direttamente sul campo attraverso tirocini mirati. Oltre ad indirizzare questi giovani verso un futuro concreto dal punto di vista professionale,  TechPro² permette di potenziare la qualità dell’assistenza tecnica specializzata per i prodotti dei nostri brand, dando una risposta concreta alla richiesta di operatori specializzati per le concessionarie e le officine autorizzate.”