Centallo, scheletro umano rinvenuto durante gli scavi per la fibra ottica (AGGIORNATO)

Dovrebbe essere rimosso in giornata, dopo i rilievi archeologici

Centallo scheletri

Aggiornamento

Dovrebbe essere rimosso in giornata, maltempo permettendo, lo scheletro umano (uno solo, contrariamente a quanto era stato ipotizzato in un primo tempo) ritrovato durante i lavori di scavo al cantiere per la posa della fibra ottica, in via San Michele, vicino alla sede della Croce rossa. Il rinvenimento è avvenuto mercoledì, lo scheletro, in buono stato di conservazione, è stato ricoperto con un telo nero.
Si trova a un metro di profondità e potrebbe risalire al tempo in cui, nei dintorni della chiesa, c’era un cimitero. “Capita in molto cantieri - spiegano dalla ditta Gm costruzioni, che lavora per conto della Open Fiber -, specie vicino alle chiese. Per questo, abbiamo un’assistenza archeologica su questo genere di scavi. Il suo compito è di effettuare i rilievi e trasmetterli alla Soprintendenza”.

*******

Sono stati coperti con un telo nero i due scheletri umani ritrovati nella giornata di giovedì 21 gennaio, lungo via San Michele, durante i lavori di scavo per la posa della fibra ottica, vicino alla sede della Croce rossa. Sono in discrete condizioni di conservazione, si trovano a un metro di profondità e potrebbero risalire al tempo in cui, nei dintorni della chiesa, c'era un cimitero. Il loro rinvenimento, intanto, ha comportato un temporaneo blocco dei lavori. L’area, infatti, è stata recintata provvisoriamente con nastro bianco e rosso e coni da cantiere.