Sinodo, “tempo favorevole per metterci in questione”

Lettera del vescovo - L’assemblea sinodale generale rinviata all’autunno

Il vescovo Piero Delbosco con il pastorale

“Con questa lettera voglio partecipare a voi la mia soddisfazione nel vedere che il Sinodo sta crescendo. Nel mese di gennaio molte comunità si sono attivate e tanti gruppi e singole persone hanno dato e stanno dando il loro apporto. Stanno arrivando contributi molto interessanti e riflessioni profonde”. Sono le parole con cui il vescovo apre la lettera (la seconda dall’inizio del Sinodo, qui la prima lettera) inviata a parrocchie, comunità, sacerdoti, diaconi, religiosi e religiose, a tutti i fedeli delle diocesi di Cuneo e di Fossano.
Tra le novità annunciate da mons. Piero Delbosco, la decisione di spostare a dopo l’estate l’assemblea sinodale generale (con il vescovo, i delegati, ecc.). Inizialmente era stata prevista nel periodo primaverile, ma il perdurare della pandemia con tutti i rischi connessi, la difficoltà a incontrarsi in presenza, il divieto di assembramenti hanno spinto a cambiare programma.
Di seguito ampi stralci della lettera del vescovo.

“Nei giorni scorsi il Papa ha esortato le diocesi italiane a intraprendere cammini sinodali, diocesi per diocesi, per poi giungere anche ad un sinodo della Chiesa Italiana. «La Chiesa italiana deve tornare al Congresso di Firenze, e deve incominciare un processo di Sinodo nazionale, comunità per comunità, diocesi per diocesi ...» (30 gennaio 2021). Queste parole mi hanno incoraggiato a proporvi con nuova forza il cammino sinodale, che ha avuto inizio per noi nel mese di ottobre e prosegue ora nella sua prima fase: il tempo dell’ascolto.
Le schede che abbiamo tra le mani non affrontano tutte le questioni di attualità del nostro tempo, più semplicemente vogliono provocare la riflessione su quattro temi: i cambiamenti, la parrocchia, la fede e i sacerdoti. Perché questa richiesta di ascolto? È una esigenza nata nel processo dell’accorpamento delle nostre due diocesi. È stata richiesta espressamente nei momenti di confronto delle persone impegnate a vario titolo nelle aree in cui sono organizzate le due curie diocesane (...). È vero: siamo in mezzo ad un tempo segnato dalla pandemia e non sappiamo quando finirà. È difficile realizzare momenti assembleari adesso, ma non impossibile, se vi è il rispetto delle norme di sicurezza. Stiamo scoprendo nuovi modi di interagire tramite piattaforme virtuali; non sono il massimo delle attese, ma hanno in sé vere opportunità (...).

Sono convinto che questo è il momento favorevole per riflettere ad ampio raggio, anche per ciò che riguarda le nostre realtà ecclesiali. La storia della salvezza e la storia recente ci dice che, proprio nei momenti di maggiore difficoltà, lo Spirito ha continuato ad essere all’opera (...). Ciò che noi stiamo vivendo non può essere un tempo di sospensione. Credo sia il «tempo favorevole» per metterci in questione.
Anche l’opportunità dell’accorpamento delle Diocesi deve spingerci a guardare in faccia al compito primario della Chiesa: annunciare il Vangelo e mettersi al servizio della fede.
Abbiamo tanti doni reciproci da condividere, legami da costruire e nodi da sciogliere. Confido nella buona volontà di tutti e nei piccoli passi che stiamo facendo. Tutto deve nascere dalla nostra testa, dalla volontà nel metterci in gioco, dalla stima reciproca mettendo da parte diffidenze, sospetti e paure. Le storie delle nostre realtà diocesane sono diverse ma, ora, complementari. Ormai sono decenni in cui si parla di un’unica Chiesa locale. Molti passi sono stati fatti; altri ne faremo. Non dobbiamo aver fretta e, nello stesso tempo, non possiamo tergiversare. Fa bene a tutti sognare prima e poi realizzare un nuovo modo d’essere Chiesa, attenti all’uomo d’oggi, nel contesto del nostro territorio e, nello stesso tempo, sempre orientati verso l’Alto!

(...) Diversamente da quanto previsto nella tempistica indicata a settembre 2020, in sintonia con i Vicari zonali, ci orientiamo a spostare più avanti i momenti assembleari, decisamente necessari, probabilmente dopo l’estate. Ribadisco l’importanza di trovare ed indicare alla segreteria un incaricato laico per il Sinodo. Suo compito è quello d’essere voce della propria parrocchia, aiutando i parroci adesso nel gestire le occasioni d’ascolto in molteplici modalità e poi prendendo parte attiva nelle quattro assemblee.
Sono cosciente della responsabilità che ho nel tirar le fila e lo farò solo dopo che saranno concluse le assemblee sinodali. In questo momento sto osservando da vicino l’insieme delle nostre due belle realtà diocesane. Sono più che mai vivaci e piene di attese, anche se vi sono timori verso possibili novità di prospettive e di organizzazione. Probabilmente ci vuole una forte e coraggiosa sterzata al fine di assolvere meglio il mandato del Signore che troviamo nel Vangelo: «Andate, battezzate, annunciate, fate diventare discepoli...». Un giorno, quando il Signore verrà, chiamandoci a sé, ci chiederà conto della nostra fede, se abbiamo investito le forze a nostra disposizione. Il suo sarà un giudizio di misericordia ma nella verità.
Vi auguro buon cammino e buona riflessione".

+ Piero Delbosco, vescovo di Cuneo e Fossano

Scarica la lettera del vescovo.