Prosegue la raccolta firme per legge contro la propaganda fascista

Superata la soglia minima di 50mila firme; c’è ancora tempo fino al 31 marzo per sottoscrivere e rafforzare così la proposta di legge

Arci Raccolta Firme
Raccolta firme dell'Arci in viale Alpi a Fossano

A Fossano l’Arci ha raccolto, nel corso di tre sabato mattina, 188 firme per la proposta di legge contro la propaganda fascista e nazista. Le firme raccolte vanno a sommarsi alle oltre 50.000 già raccolte nei vari Comuni d’Italia. Anche se il numero minimo, per presentare la proposta, è stato raggiunto, non ci si ferma: una proposta di legge che superi di gran lunga il minimo necessario avrà più probabilità di essere discussa in Parlamento.
Pochi giorni fa la senatrice a vita Liliana Segre aveva scritto una lettera al sindaco di Stazzema, Maurizio Verona, esprimendo apprezzamento per l’iniziativa, che spiegava di non poter firmare in virtù del suo ruolo politico, ma del quale condivideva appieno la natura e le finalità. “Quando la legge arriverà in Parlamento - le parole della Segre - sarà mia cura adoperarmi affinché venga approvata il prima possibile”.
L’invito, quindi, è di non fermarsi. C’è tempo fino al 31 marzo per firmare, tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 presso l’Ufficio elettorale del Comune di Fossano (e negli uffici di altri Comuni della zona), non è richiesto l’appuntamento.
Ulteriori informazioni sul sito dell'Anagrafe Nazionale Antifascista.