Piemonte, situazione Covid in rapido peggioramento

Oggi l’Unità di Crisi della Regione ha comunicato 2.167 nuovi casi di persone positive al Covid-19: è il dato più alto dal mese di dicembre

Report COVID 19 Piemonte 4 Marzo

Il Piemonte cammina a passi veloci verso la zona rossa. O almeno arancione “rinforzato”. Contagi in forte aumento, tasso di positività elevato, incremento della pressione sulle strutture ospedaliere. Tutti elementi che potrebbero far cambiare colore all’intera Regione. Che la situazione sia in rapido peggioramento lo ha evidenziato ieri la Fondazione Gimbe. Nel suo report, segnala un netto incremento dei casi per la seconda settimana consecutiva, che negli ultimi 7 giorni (24 febbraio - 2 marzo) fa segnare un +33% medio su tutto il territorio nazionale. Con valori che superano il 20% in ben 65 Province. Tra queste, appunto, c’è quella di Cuneo, dove l’incremento dei casi nel periodo 24 febbraio - 2 marzo è stato addirittura del 76%, con una media nei 7 giorni di 209 casi ogni 100mila abitanti.
“Con la situazione epidemiologica in rapida evoluzione – commenta Renata Gili, responsabile Ricerca sui Servizi Sanitari della Fondazione – la diffusione attuale è sicuramente maggiore ed è pertanto fondamentale essere realmente tempestivi nell’istituzione delle zone rosse a livello comunale e provinciale”.

Vedremo cosa decideranno domani l’Unità di crisi e la Giunta regionale. Sicuramente siamo già in ritardo, costretti ancora una volta ad inseguire un virus sempre più contagioso, soprattutto a causa della variante inglese che – come confermato dall’indagine dell’Istituto Superiore di Sanità – al 18 febbraio riguardava oltre il 50% di tutti i nuovi casi.

IL BOLLETTINO DEL 4 MARZO - Oggi l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 2.167 nuovi casi di persone positive al Covid-19, il 12% dei quasi 18mila tamponi eseguiti, con una percentuale di asintomatici che è del 30%. È il dato più alto dal mese di dicembre. Tanto per avere un termine di paragone, martedì 2 marzo i numeri erano questi: 1.609 nuovi casi, tasso di positività al 6,9%, asintomatici al 39%.
I decessi totali salgono a 9.437 (+42 negli ultimi due giorni), di cui 1.111 in provincia di Cuneo.
I ricoverati nelle terapie intensive sono 188 (+8 rispetto a martedì), i malati Covid nei reparti normali 2.171 (+42), le persone in isolamento domiciliare 16.785 (+1.784). Per un totale di attualmente positivi di 19.144 (+10% in due giorni). Negli ultimi 7 giorni in Piemonte sono stati registrati complessivamente 10.084 nuovi, cioè 233 casi settimanali ogni 100 mila abitanti. Ormai vicinissimi alla soglia di 250 contagi, che significa chiusura di tutte le scuole. Per ora sappiamo che da lunedì 8 marzo in tutto il Piemonte si passa alla didattica a distanza dalla 2ª Media alle Superiori; ma per il Cuneese potrebbe scattare la chiusura totale fin dalla prima Elementare.