Pasqua e Pasquetta, cosa è consentito e cosa no

Piemonte zona Rossa

Siamo zona rossa ormai da due settimane e la diffusione dei contagi non lascia immaginare un cambio di “colore” nell’immediato. In ogni caso anche nei giorni di Pasqua tutto il territorio nazionale dovrà rispettare le regole delle zone “rosse” e quindi per noi poco cambia rispetto alla nostra attuale quotidianità.
Ci sono alcune piccole varianti valide solo nei giorni festivi.
Ricapitoliamo cosa è consentito e cosa no.

SÌ alle visite a domicilio
Fino al 6 aprile, in zona rossa sono consentiti esclusivamente gli spostamenti per comprovati motivi di lavoro, salute o necessità ma solo nei giorni 3, 4 e 5 aprile sarà consentito una sola volta al giorno, spostarsi verso un’altra abitazione privata abitata della stessa Regione, tra le 5 e le 22, a un massimo di due persone, oltre a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione. La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che convivono con loro.

SÌ agli spostamenti nelle seconde case (in Piemonte)
Le faq del Governo chiariscono che lo spostamento nelle seconde case è sempre consentito, anche a Pasqua, e nei giorni precedenti/successivi per tutte le zone, comprese le rosse. Ma ci sono delle regole: si può spostare solo il nucleo familiare convivente, senza l’aggiunta di parenti o amici. Inoltre la seconda casa non deve essere abitata da altre persone ed è necessario provare che la casa è di proprietà o in affitto a lungo termine, con contratto stipulato prima del 14 gennaio 2021. Numerose regioni però hanno emesso ordinanze
restrittive. Tra quelle vicine a noi, la Valle d’Aosta e la Liguria: in quest’ultima un’ordinanza, in vigore fino a tutto il lunedì di pasquetta, vieta tutti gli spostamenti verso le seconde case sia per chi proviene da fuori regione sia all’interno della stessa, tra comuni. Nelle seconde case in Piemonte possono andare solo i residenti nella nostra regione.

SÌ all’attività motoria
Nelle zone rosse e anche nei giorni 3-4-5 aprile è consentito svolgere attività motoria individuale (solo all’aperto) nei pressi della propria abitazione, rispettando il distanziamento
di un metro e indossando la mascherina. È consentito svolgere attività sportiva esclusivamente nel territorio del proprio Comune, è tuttavia possibile, nello svolgimento di
un’attività sportiva che comporti uno spostamento (per esempio la corsa o la bicicletta),
entrare in un altro Comune, purché tale spostamento resti funzionale unicamente all’attività sportiva stessa e la destinazione finale coincida con il Comune di partenza.

NO Pasqua al ristorante
Nessuna deroga per il pranzo di Pasqua: le attività ristorative continueranno ad essere chiuse ma rimangono consentiti l’asporto e la consegna a casa fino alle 22. È vietato consumare nei pressi del locale. L’asporto dai bar è permesso solo fino alle 18.

SÌ alle messe
È possibile raggiungere il luogo di culto più vicino alla propria abitazione: l’accesso ai luoghi di culto è consentito, purché si evitino assembramenti e si mantenga una distanza non inferiore a un metro.