Fino a 4mila euro ai commercianti trinitesi chiusi per la pandemia

ll Comune ha costituito una Commissione con Ascom e Confartigianato per assegnare il contributo del Ministero

Una boccata di ossigeno per commercianti e artigiani trinitesi arriva dal fondo perduto pari a 40.426 euro assegnato per il 2020 dallo Stato al Comune di Trinità per gli esercenti che in questo anno sono stati penalizzati dalle chiusure imposte dal lockdown; altri 27mila euro saranno erogati nel 2022.
Sono 23 le domande presentate in Comune, tutte accolte dalla Commissione che si è riunita martedì 30 marzo composta dal sindaco Ernesta Zucco (presidente), Paolo Germiniasi commissario esterno rappresentante Ascom di Fossano, Giuseppe Berardo commissario esterno Confartigianato di Fossano, il vicesindaco Giovenale Dotta e l’assessore Enea Bessone.
Il sostegno per il 2021 è stato parametrato su tre categorie: a bar, ristoranti, pizzerie, affittacamere, estetiste e ambulanti (10 in totale) che hanno subito più chiusure sono stati assegnati 4.137,70 euro ciascuno, 2.000 euro sono stati riconosciuti a quattro esercizi aperti lo scorso anno, stessa cifra a tutte le altre attività (muratori, artigiani…) che hanno presentato domanda.
Tutti gli esercenti sono stati informati del ristoro messo a disposizione dal Ministero, che erogherà direttamente la cifra sul conto corrente dei richiedenti.

Articolo su La fedeltà di mercoledì 14 aprile