“Officina del Possibile”, una scommessa riuscita che guarda avanti

Ha tagliato il traguardo dei 5 anni. Comprende diverse realtà ospitate in uno stabile di via Matteotti a Fossano, gestite da Caritas e coop. sociale “Il Ramo” della Papa Giovanni XXIII (con il coordinamento di NoiAltri). Le parole che ispirano il progetto sono inclusione sociale, economia circolare, sostenibilità ambientale, accompagnamento di chi fatica

Officina Del Possibile - Emporio solidale

L’emporio solidale “Officina del Possibile” ha tagliato il traguardo dei cinque anni. L’anniversario dell’inaugurazione (che cadeva il 2 aprile) è l’occasione per fare un bilancio di questo primo periodo, caratterizzato dall’entusiasmo degli inizi, dal consolidamento dell’esperienza e dalle inevitabili difficoltà, che si sono fatte sentire in modo particolare in quest’ultimo anno, segnato dalla crisi sanitaria, sociale ed economica provocata dalla pandemia.
L’Officina del Possibile, collocata in un grande spazio di via Matteotti 32, a Fossano, nasceva come un progetto complesso, comprendente diverse realtà (un negozio di abbigliamento ed oggettistica di capi usati e rigenerati, un laboratorio artigianale di falegnameria che si occupa di riciclo, un punto per la distribuzione delle “borse alimentari”) gestite da vari soggetti e associazioni (Caritas Fossano, le cooperative sociali “Il Ramo” e “Il Viandante”). Il tutto sotto il cappello della Fondazione NoiAltri, che ha svolto una funzione di coordinamento tra le varie realtà.
“Una scommessa ambiziosa – afferma Maurizio Bergia, uno dei promotori -, perché è stato il primo progetto di questo genere a nascere nella nostra provincia. Una scommessa riuscita, il bilancio di questi primi 5 anni è sicuramente positivo”, anche se non tutte le realtà iniziali sono sopravvissute. Nel frattempo, però, ne sono nate di nuove, perché dentro l’Officina risuonano “storie di persone e cose in cerca di nuove strade”.
“Sembra impossibile siano già trascorsi 5 anni!” afferma Anna Rottondo, presidente di NoiAltri. “Officina del possibile è stato il nostro primogenito e avrà sempre un posto speciale nel nostro cuore. NoiAltri è nata per mettere in rete varie realtà che a Fossano da tempo si occupano di solidarietà, con l’obiettivo di unire le forze, rendere più efficaci e organici i loro interventi in campo sociale, condividere le risorse offrendo percorsi lavorativi che mirano a rimuovere gli ostacoli che provocano esclusione sociale e squilibrio economico. Penso che Officina del possibile continui a incarnare pienamente questi obiettivi”.
Al giro di boa dei 5 anni proviamo a fare il punto con Nino Mana, direttore della Caritas che gestisce l’emporio alimentare (Magazzino del dono) e con Bergia, della Comunità papa Giovanni XXIII che attraverso la cooperativa “Il Ramo” ha in gestione Bottega23 (il negozio che ricicla e vende abiti usati e oggetti vintage). Il bilancio è l'occasione per presentare Impresa donna, l'ultima nata, che offre servizi di stiro per biancheria, di sartoria (piccole riparazioni), di sanificazione e igienizzazione di capi di abbigliamento.

Servizio su La Fedeltà del 21 aprile