Il pellegrinaggio a Cussanio, impegno di conversione

celebrazione di apertura mese mariano

Solenne celebrazione presieduta dal vescovo mons. Delbosco, venerdì sera, al Santuario della Madonna della divina Provvidenza, in apertura del mese mariano e delle funzioni previste per il 500° anniversario dall’apparizioni della Vergine a Bartolomeo Coppa.

“Siamo qui per celebrare la misericordia che Dio ha riservato a Fossano in occasione di quelle due apparizioni – ha sottolineato il vescovo nella sua omelia -; momenti in cui la comunità fossanese fu richiamata alla conversione. Il messaggio che 500 anni fa la Vergine affidò a Bartolomeo Coppa è di tremenda attualità”. E ancora: “Cinquecento anni fa Dio si servì di un uomo che non contava per mandare il suo messaggio alla comunità di Fossano, per invitarla a convertirsi. Anche oggi Dio si serve di chi non conta. Dio si aspetta una risposta docile simile a quella di Bartolomeo che accolse ciò che la Vergine gli aveva chiesto. Seppe mettersi in questione, non diede retta a chi lo derideva e portò il messaggio che gli era stato affidato”.

“Venire in pellegrinaggio qui, in questo mese, assume questo significato: esprimere la volontà di cambiamento. Un atto di fede che richiede coerenza e impegno, certi che il cambiamento interiore è possibile, che la misericordia di Dio è immensa, ma che tocca a noi fare il primo passo. Venire in pellegrinaggio è anche mettere nella mani di Maria le nostre preoccupazioni quotidiane”.

 

Il servizio completo su La Fedeltà di mercoledì 5 maggio