Parco fluviale, Fossano ora confida nell’adesione

L'assessore all'Ambiente Giacomo Pellegrino: “Le amministrazioni di Cuneo e Fossano si sono incontrate e le modifiche dai noi richieste sono state ritenute in buona parte accoglibili”

Ci sono buone speranze che Fossano possa entrare nel parco fluviale Gesso e Stura, tema che dall’inizio del mandato è oggetto di un aspro confronto tra l’Amministrazione Tallone, che ha frenato sull’adesione, e quella parte della città che si è riunita in Comitato e che vorrebbe invece accelerarne il percorso. Giacomo Pellegrino, vice-sindaco e assessore all’Ambiente, lo ha affermato venerdì sera durante i lavori del Consiglio comunale. “Le due amministrazioni di Cuneo e Fossano si sono incontrate e le modifiche da noi richieste sono state ritenute in buona parte accoglibili - ha detto -. Spero a breve di avere una risposta che ci consentirà di aderire a questo progetto”.

Sul tavolo di discussione ci sono, come ha ricordato Pellegrino, “la gestione del bilancio, la programmazione e le iniziative”. “Il Parco fluviale - ha proseguito il vice-sindaco - era stato immaginato in un certo modo quando venne istituito. Poi le cose sono cambiate, sono entrati tanti altri Comuni, ma la struttura è rimasta sempre la stessa”. Di qui l’obiettivo - come aveva riferito in passato - di bilanciarne poteri e responsabilità riducendo il ruolo di Cuneo a favore degli altri soci.

Articolo completo su "la Fedeltà" di mercoledì 5 maggio