Il virus arretra, gli ospedali si svuotano di pazienti Covid

Negli ultimi 7 giorni, scendono ancora i numeri del Piemonte e della Granda. A Fossano 74 positivi

Report COVID 19 Piemonte 11 Maggio 2021

I più cauti invitano ad aspettare il prossimo fine settimana per valutare appeno gli effetti della “zona gialla” e delle conseguenti riaperture. Ma, alla data di martedì 11 maggio, prosegue e si fa sempre più consistente l’arretramento del virus in Piemonte o, perlomeno, delle sue forme più acute. In sette giorni, da martedì 4 a martedì 11 maggio, i ricoveri in terapia intensiva sono calati di altre 40 unità, per una percentuale che si conferma del -21%. Ora sono 148. Le degenze ordinarie sono 1.658, in calo di 323 unità nell’arco di una settimana (-16%).
L’andamento si rispecchia negli ospedali dell’Asl Cn1, dove si contano 45 pazienti Covid a Saluzzo (su 82 posti dedicati), 11 a Ceva (su 24), 22 a Mondovì (su 28), 5 a Savigliano (su 13), 51 a Cuneo (su 80). Particolarmente significativo il dato sugli accessi Covid di domenica 9 maggio al Santa Croce: sono 138 non legati al Covid (di cui 109 in codice verde, 22 giallo e 2 rosso) e soltanto 3 dovuti al virus.
A completare il quadro nell’Asl Cn1 vanno aggiunti i 40 (su 40) pazienti positivi accolti all’Istituto climatico di Robilante, mentre 2 sono gli ospiti del Covid Hotel dell’ex albergo “La bussola” a Centallo.
Numeri confortanti emergono anche dall’andamento dei contagi in Piemonte, che registra un decremento delle nuove positività (meno di 5 mila in sette giorni, ovvero circa 700 al giorno), ormai da qualche settimana inferiori al numero dei nuovi guariti. La conseguenza è un calo delle persone attualmente positive.

Covid 7 Giorni In Piemonte

Il trend discendente viene confermato anche dalla media mobile di nuovi casi calcolati nell’arco di una settimana (la cosiddetta “incidenza del contagio”). A questo proposito, la media piemontese è di 114 casi ogni 100 mila abitanti. Quella della Granda - che era arrivata qualche settimana fa ad essere la più alta in Italia - ora si limita ad essere la più alta del Piemonte. Ma l’indice è sceso a 134 casi (era a 167 martedì scorso) ed è ormai molto vicino a quelli di Vercelli (132), Biella (131) o Asti (121).
Rimane il tasto dolente dei decessi, che scendono anch’essi, ma rimangono ancora su tre cifre nell’arco di una settimana. Dal 4 all’11 maggio se ne sono contati 103 in Piemonte, che portano il totale a 11.433. In provincia di Cuneo sono stati 25 e il totale è oggi di 1.422.

La mappa Covid della Regione Piemonte, aggiornata a martedì 11 maggio, ci dice che i casi attualmente positivi a Fossano sono 74 (-9 rispetto a sette giorni fa). Nell’hinterland è il numero più elevato, ma in proporzione al numero di abitanti, sono di più i 44 di Marene (13,24 per 1000 abitanti), i 21 di Tarantasca (9,74), i 26 di Villafalletto (8,95), i 25 di Bene Vagienna (6,82) e i 12 di Sant’Albano (5,07). Percentuali inferiori, invece per Genola (6), Cervere (3), Trinità (1), Salmour (1) e Vottignasco (0).
Tra le altre città “sorelle” della Granda, Cuneo conta 251 casi, Bra 100, Alba 66, Mondovì 58, Savigliano 45, Saluzzo 41. Sono tutte in calo. Borgo San Dalmazzo e Racconigi con 71, Caraglio con 64, Barge con 58, Boves con 55 e Cherasco con 48 completano il quadro delle città con il maggior numero di contagi.