A Salmour apre il nido in famiglia

Una “casa” per bambini da zero a tre anni dove crescere facendo tante esperienze

Si chiama “Il nido dei pettirossi” il nuovo nido in famiglia che aprirà a Salmour martedì 1° giugno.
Immerso nella bucolica campagna della pianura salmourese è l’ambiente ideale per affidare i propri figli alle cure di un’altra mamma, che amorevolmente li accudirà e li guiderà in esperienze ludico educative fondamentali per il benessere psico-fisico.
Salmour si arricchisce così di un nuovo servizio per l’infanzia coprendo anche quella fascia da zero a tre anni che fino ad ora doveva appoggiarsi sui baby parking o i nidi di altri Comuni limitrofi.
L’intuizione del nido in famiglia è di Laura Morano, 31 anni, mamma di Alessandro, un bimbo di un anno.
Laura dopo il diploma Socio-pedagogico al liceo Ancina di Fossano e una laurea triennale in Medicina ha lavorato presso l’azienda di famiglia, il noto agriturismo Sarmore confinante con il nido in famiglia.
“In questo anno di Covid - spiega la titolare Laura Morano - in molti ci chiedevano se fosse possibile organizzare pomeriggi per bambini, merende e giochi per far socializzare i piccoli isolati in casa. Da queste richieste è nata l’idea di aprire il nido in famiglia”.
Laura ha deciso quindi di adattare l’abitazione, adiacente all’agriturismo, per “Il nido dei pettirossi”.
L’edificio ha uno spazio esterno completamente recintato e arredato con tanti giochi, all’interno ci sono la cucina con i tavolini per pranzare ma anche per i laboratori e le tante attività che coinvolgeranno i bambini, un ampio salone per giochi liberi, di psicomotricità, l’angolo lettura e giochi simbolici. C’è la stanza della nanna arredata con cinque lettini con morbido materasso (“Ho preferito dei lettini molto meglio delle brandine o dei passeggini” sottolinea la titolare) e il bagno con fasciatoio. Insomma una vera e propria casa a misura di bambino.
“Il nido dei pettirossi non è assolutamente un parcheggio per i bambini ma un luogo di formazione esperienziale e socializzazione - tiene a precisare Laura -. Al centro del progetto professionale pongo una formazione continua, secondo i principi della scuola montessoriana. Seguiremo un percorso assecondando la stagionalità e le esperienze che la natura ci offre. Pianteremo semini e vedremo gli sviluppi e le trasformazioni delle piantine, raccoglieremo foglie, bacche, frutti… Vivremo le diverse sensazioni tattili, olfattive, emotive stando a contatto con la natura”. Sono in progetto laboratori di creatività, pittura, manipolazione… adatti ai piccolini per accompagnarli in un percorso di crescita, esplorazione alla scoperta di emozioni semplici e meravigliose che saranno proposte in un ambiente famigliare e protetto.
Il nido dei pettirossi è aperto a bambini da zero a tre anni, dal lunedì al venerdì dalle 7,30 alle 18 con possibilità di pacchetti personalizzati (solo mattino, solo pomeriggio, con o senza pranzo). La cucina è in convenzione con l’agriturismo Sarmore, ma i pasti potranno anche essere portati da casa se ci fosse bisogno di una dieta particolare dovuta a intolleranze.
Sono al massimo cinque i bambini che potranno frequentare in contemporanea, un numero ideale per essere seguiti e amorevolmente curati in questa nuova avventura, il primo importante passaggio dalla famiglia alla socialità e alla vita comunitaria.