Due uomini e una donna per le Aziende sanitarie della Granda

La Giunta regionale ha scelto i direttori generali: Guerra per la Cn1, Azzan per il Santa Croce e Veglio per la Cn2

Torino Regione Sede Palazzo Lascaris

Le indiscrezioni degli ultimi giorni sono state confermate. I nuovi direttori generali delle Asl della Granda corrispondono ai profili che già circolavano nei toto-nomine de giornali. Elide Azzan, in arrivo da Novara, dove ha ricoperto l’incarico di direttore sanitario della locale Azienda sanitaria, raccoglie il testimone da Corrado Bedogni, dal 2015 alla guida del Santa Croce e Carle di Cuneo. Giuseppe Guerra, attuale commissario Covid dell’Asl Cn1, sostituisce Salvatore Brugaletta, anche lui - come Bedogni - arrivato all’età della pensione. L’Asl Cn2 vede invece la conferma di Massimo Veglio.

Tutti quanti sono attesi da un difficile compito: quello di traghettare le rispettive Aziende sanitarie nel dopo Covid (incrociamo le dita), in una stagione che sarà contrassegnata dall’obiettivo prioritario di affrontare le liste d’attesa per la cura delle patologie ordinarie, aumentate a causa della pandemia.

Veglio sarà chiamato anche a completare il processo di trasformazione delle due vecchie sedi ospedaliere di Bra e Alba, unificate nell’ospedale unico di Verduno. Guerra e Azzan avranno viceversa il compito di avviare quello verso gli ospedali unici di Cuneo e del Monviso, operazioni che si chiuderanno ben oltre il loro mandato triennale.

Articolo completo su "la Fedeltà" di mercoledì 2 giugno