Sei mini alloggi in stile “cohousing” l’ultima donazione dalla coppia innamorata di Trinità

Jean e Angela Barthelemy Garavagno dal 2019 sono cittadini onorari del Comune di Trinità

Una struttura abitativa tipo “cohousing”, dove gli anziani possono vivere mantenendo spazi autonomi e spazi con servizi in condivisione. Il progetto del tutto innovativo per la nostra provincia, ma già molto in voga nel Nord Europa, è l’ultima donazione di Jean e Angela Barthelemy Garavagno, la coppia monegasca che si è innamorata di Trinità.
Il progetto che sorgerà in via Cavallina su un terreno di proprietà comunale, nell’area adiacente al teatro e al magazzino comunale, donati nel 2019 sempre dalla coppia, prevede la realizzazione di una palazzina di sei unità abitative. Ogni alloggio di circa 50 metri quadrati comprende una camera da letto, un soggiorno con angolo cottura e bagno. In condivisione ci saranno una sala da pranzo e spazio di socializzazione. Saranno compresi nel complesso anche gli uffici per l’Unità minima locale che potranno essere fruiti anche da tutti i cittadini trinitesi. I pasti potranno essere consumati in compagnia serviti dalla ditta che prepara il pasto per le scuole o nella propria abitazione anche preparati autonomamente.
“Un bellissimo progetto, all’avanguardia - dice il sindaco Ernesta Zucco -, che su espressa richiesta di Jean e Angela sarà direttamente gestito dal Comune per evitare speculazioni e favorire le persone anziane meno facoltose”.
Il progetto su incarico di Jean e Angela è stato redatto dal geometra Claudio Curti di Trinità, i lavori (“che Jean vuole far partire subito” sottolinea il sindaco Ernesta Zucco) saranno affidati all’impresa edile di fiducia della coppia monegasca, la ditta Sanino Giovanni di Trinità.
Il Comune di Trinità il 3 luglio 2019 ha dato la cittadinanza onoraria ai coniugi Garavagno.

Articolo su la Fedeltà di mercoledì 16 giugno