Una siccità interminabile

La provincia di Cuneo ha di nuovo sete: la portata dei fiumi scende fino al 65% sotto la media

In Granda è di nuovo allarme siccità

Anche in questo 2021 la provincia di Cuneo ha sete. E inevitabilmente si torna a parlare di “emergenza siccità”, come peraltro il nostro giornale aveva già fatto sul numero del 14 luglio, dedicando al tema la prima pagina. La mancanza di pioggia minaccia soprattutto le coltivazioni (secondo la Coldiretti cuneesi è a rischio il 40% delle produzione estive), mentre in molti Comuni i sindaci firmano ordinanze con cui impongono ai cittadini di usare la potabile solo per esigenze alimentari e igieniche (ad esempio a Bene Vagienna).

Servizio su "la Fedeltà" in edicola