Sinodo, si è svolta la prima assemblea

Affrontato il tema dei cambiamenti

Sinodo Interdiocesano

Ottantacinque delegati sinodali (su 120) hanno partecipato nella serata di venerdì 1° ottobre alla prima sessione dell’Assemblea sinodale in presenza, nella chiesa parrocchiale di San Paolo a Cuneo, dedicata all’ascolto e al confronto sul tema dei cambiamenti. Una settimana prima erano stati “convocati” online per la presentazione delle prime 14 proposizioni che fanno parte dello Strumento di lavoro, ossia il testo iniziale che viene sottoposto all’assemblea per giungere infine alle proposizioni sinodali su cui raccogliere il consenso mediante la votazione.

Dopo la preghiera, venerdì scorso si è dato spazio agli interventi, una trentina in tutto. Presente il vescovo Piero Delbosco e la segreteria del Sinodo. “Attraverso il confronto - si legge nel ‘verbale’ redatto dalla segreteria -, è stata avviata la ricerca di prospettive su cui dialogare attorno al tema dei cambiamenti che stanno avvenendo nella Chiesa e nel mondo, ma anche su quelli che la comunità cristiana intende avviare per rinnovare la propria testimonianza in favore del Vangelo di Gesù Cristo. Gli interventi dei sinodali hanno riguardato sia la modalità con cui proseguire il lavoro sinodale, sia le prospettive di fondo su cui portare l’attenzione della Chiesa diocesana rispetto ai cambiamenti in corso e da attuare. Nel corso dell’assemblea è risultato un clima intenso di partecipazione - prosegue il “verbale” -, segno di una sincera ricerca di sinodalità, ossia di condivisione della responsabilità pastorale e missionaria che anima tutti i fedeli, pastori e laici”.

Alla segreteria del Sinodo spetta ora rielaborare quanto emerso per proporre una ri-scrittura delle proposizioni discusse. Il 22 ottobre, in occasione della seconda sessione, che sarà dedicata al tema della parrocchia e che si svolgerà a Fossano nella chiesa di Sant’Antonio, la nuova formulazione verrà sottoposta a votazione. Il tema verrà presentato online il 15 ottobre.

Sul sito web del Sinodo di Cuneo e Fossano è possibile seguire l’evolversi dei lavori. La cronaca della prima sessione si limita però a raccontare le regole e i numeri del dibattito, senza offrire una sintesi dei contenuti che emergono. Certamente la discussione nell’Assemblea sinodale non è equiparabile al dibattito in un Parlamento. Ma, in un logica di Chiesa in uscita, di trasparenza, sarebbe opportuno trovare forme di condivisione del dibattito con le persone che non fanno parte dell’assemblea. Forme  e strumenti che non mancano, nell’epoca dello streaming e dei social.