Bene banca, 4 stelle per 4 anni

Altroconsumo conferma la solidità del Credito cooperativo, che intanto continua ad assumere

Due volte quattro. Non è (solo) un gioco di parole. Per il quarto anno consecutivo, la rivista Altroconsumo assegna a Bene banca quattro stelle su cinque, dopo averne esaminato gli indici di solidità.

Peraltro, al Credito cooperativo di Bene Vagienna si registra una crescita sia delle masse (+ 14%), sia dei clienti (+9%); il 2020 si è inoltre chiuso con un utile di oltre 2 milioni di euro mentre, spiegano dall’Istituto, “il 2021 promette un risultato molto positivo” a sua volta.

“Nell’esercizio in corso abbiamo continuato nel solco di quanto tracciato nel 2020 – commenta il direttore generale Simone Barra –, aumentando ulteriormente le concessioni creditizie, +32%, e raggiungendo in 8 mesi un erogato complessivo di quasi 100 milioni, frazionato su oltre 1000 clienti nei nostri territori. Ottima anche la reddittività: nel primo semestre abbiamo superato i 2 milioni di utile netto, dato previsto in sensibile miglioramento a fine anno. Di converso anche gli indici di patrimonializzazione crescono con un Cet1 superiore al 17%. “Gli ottimi risultati conseguiti  - continua il direttore - sono frutto di un enorme lavoro e di un importante efficientamento operativo avviato ormai da anni. La base di clienti e soci cresce al pari degli utili; ma ciò che sta a cuore  alla banca è la qualità del servizio offerto, per cui continuano investimenti in tecnologia ed assunzioni di giovani laureati in provincia di Torino e Cuneo, oltre 15 da inizio anno”. “Con orgoglio  - conclude il direttore - confermiamo la nostra presenza sul territorio ed ambiamo a crescere ulteriormente in quelle piazze dove le grandi banche hanno chiuso gli sportelli ed abbandonato la propria clientela. E proprio per rafforzarsi che Bene Banca pensa al futuro ed annuncia l’apertura di un nuovo sportello a Torino, in via Nizza 50”.

“La conferma del positivo giudizio di Altroconsumo – dice il presidente del Credito cooperativo benese Elia Dogliani - ci rende particolarmente orgogliosi, vista la qualità e la nota terzietà della valutazione, nonché il consolidamento di questo risultato nell’ultimo quadriennio. Tengo  a sottolineare come Bene Banca abbia saputo raggiungere questi obiettivi puntando su una crescita progressiva, equilibrata e costante, che ha messo al centro il cliente ed il territorio, in perfetta sintonia con il nostro modello cooperativo. L’istituto, in questo senso, ha sostenuto le associazioni operanti all’interno delle nostre comunità con oltre 100 interventi nel corso dell’ultimo anno. Bene Banca è stata poi molto «attuale» nell’affiancare i propri clienti nel finanziamento  e nell’acquisto di crediti fiscali connessi ai noti «bonus» in materia edilizia; da inizio anno, sono stati dedicati oltre 20 milioni di euro a questo importante comparto, particolarmente di interesse per i nostri soci ed utenti”. “A questi profili di crescita – prosegue Dogliani – si è aggiunta la consueta attenzione per i rischi connessi in particolar modo al credito e, in questo senso, la nostra Banca ha ridotto i crediti deteriorati, giungendo ad una percentuale che la pone tra gli istituti più virtuosi nel panorama nazionale. Mi fa piacere ricordare, infine, che la nostra banca ha investito sulla formazione, con l’attivazione, sempre nell’ultimo anno, di opportunità lavorative per 12 risorse che si sono affacciate per la prima volta sul mercato del lavoro”. “Mi sia consentito – dice infine il presidente – un grande ringraziamento ai colleghi consiglieri di amministrazione, sempre coesi e focalizzati sul miglioramento costante di Bene Banca, nonché a tutti i dipendenti che hanno ben rappresentato la forza di un gruppo unito e fondato sul senso di appartenenza ad un progetto in cui tutti crediamo molto”.