La nuova vita del castello di Bene Vagienna

Nel maniero dove visse la patrona, la beata Paola Gambara, ora operano due associazioni: "Restituire la struttura a cittadini e associazioni"

Nuova vita per quella che fu la dimora dei conti Costa. Il castello di Bene Vagienna ospita da poco la sede di due associazioni locali. Tornano così a riempirsi di voci quei locali che per decenni sono stati impiegati come Casa di riposo e che non sono quasi più stati utilizzati dopo la costruzione, a pochi passi, della Residenza Paola Gambara.
La padrona di casa è la Fondazione socio-assistenziale Gazzera Magliano, evoluzione della Fondazione infermeria Casa di riposo che ha raccolto l’eredità della Fondazione Gazzera Magliano, creata in un tempo ormai lontano per la cura degli orfani e di recente sciolta. Spiega il presidente Lino Borra, che è stato anche sindaco di Bene Vagienna: “Vogliamo rendere fruibile il castello per i benesi, far sì che torni a vivere per le associazioni e i cittadini”.
Le associazioni ospitate di recente sono la “Mayhem fit club”, nata da poco, e il Centro coreografico Santa Chiara, che ha alle sue spalle una lunga storia.

Un po’ di storia
Il primo documento in cui viene citato il castello di Bene Vagienna risale al 901; del XV secolo è la ricostruzione dell’edificio che gli ha dato la forma attuale. Nell’Ottocento il castello divenne Ospedale di carità; in seguito fu allestito come Casa di riposo e ha mantenuto questa funzione fino a questo millennio.
Nel castello visse, fra il XV e il XVI secolo, Paola Gambara, moglie del signore del luogo e oggi venerata come beata. A lei vengono attribuiti numerosi miracoli, rappresentati ogni anno durante una rievocazione storica che si svolge in buona parte nel fossato del castello stesso.
Un nuovo capitolo nella storia della Casa di riposo si è aperto dopo che gli anziani si sono trasferiti nella vicina Residenza Gambara costruita ad hoc. Ed è un capitolo ancora tutto da scrivere.

“Mayhem fit club”
Di certo oggi il castello è il posto giusto per chi vuole dedicarsi all’«allenamento funzionale»,effettuando esercizi a corpo libero o con attrezzi: i corsi si tengono ogni martedì e giovedì, alle 18,30 e alle 20. Questo grazie all’associazione “Mayhem fit club”, il cui nome è una citazione del film-cult tratto dal romanzo  “Fight club” di Chuck Palahniuk. L’hanno fondata Fulvio Cavallero e Domenico Di Leno, che ora ne sono rispettivamente presidente e vice; con loro, alla guida del sodalizio, ci sono Marco Dotta, Ermanno Salzotto e Roberto Sardo.
Il gruppo, a cui a poco a poco si sono aggiunti altri ragazzi, aveva cominciato ad allenarsi all’aperto: la “voglia” di praticare sport al di fuori delle strutture chiuse era esplosa dopo il lockdown introdotto dalle autorità per la lotta al Coronavirus. In vista della brutta stagione, è però inevitabilmente emersa la necessità di trovare uno spazio al coperto: la Fondazione socio-assistenziale Gazzera Magliano ha messo a disposizione i locali, che i giovani del “Mayhem fit club” hanno trasformato attraverso lunghe e faticose settimane di lavoro.
“Siamo un’associazione non a scopo di lucro - spiega Di Leno -. La nostra mission è rendere lo sport divertente e alla portata di tutti, creando aggregazione”.“Aggregazione” in questo caso fa davvero rima con “tradizione”, dal momento che la volontà dei fondatori è rinnovare quell’esperienza che tanti giovani benesi vissero frequentando la palestra  - ora chiusa - del paese, gestita da Ezio Marchisio e poi da Franco Bozzano: “Loro sono stati dei pionieri nell’ambito del fitness per Bene Vagienna - aggiunge Cavallero -: noi vorremmo raccogliere il testimone portando avanti quella idea di attività sportiva”.
I componenti del “Mayhem fit club” dedicano il fine settimana ad attività impegnative come l’arrampicata e il surf: l’allenamento funzionale che praticano al castello permette loro di mantenere un livello adeguato di preparazione atletica. “Ma i benefici dell’attività funzionale li sente chiunque lo pratichi, anche nella vita quotidiana”, dice ancora il presidente.
Roberto Sardo è l’istruttore certificato di allenamento funzionale, mentre l’insegnante Martina Daniele si occupa dei corsi di yoga. Le sedute sono aperte esclusivamente ai tesserati; quanti desiderano maggiori informazioni possono mettersi in contatto con “Mayhem fit club” sulle sue pagine Facebook e Instagram o telefonando al 339.7446277 o al 334.5073362.
L’associazione propone inoltre weekend tematici e seminari dedicati a sport e convivialità, anche al di fuori del castello.

Centro Santa Chiara
Il castello è diventato anche la casa del Centro coreografico Santa Chiara, “storica” realtà benese che da alcuni mesi propone i suoi corsi di danza in collaborazione con l’Estudio de danzas di Fossano. Insieme con Rossana Mondini, che è stata un punto di riferimento per generazioni di ballerine, ci sono così nel ruolo di insegnanti Marta ed Elisa Malgioglio; alla stessa Marta, in particolare, è stata affidata la direzione artistica.
Dal Centro coreografico ringraziano la Fondazione socio-assistenziale Gazzera Magliano che ha messo a disposizione i locali dove ora si svolgono i corsi e il “Mayhem fit club” che si è impegnato nel loro restyling. Chi desidera iscriversi ai corsi di danza, o iscrivere i figli, telefoni al 375.6714955.