Diocesi, durante le messe e le attività pastorali indossare la mascherina Ffp2

Super Green pass per concerti e visite guidate; tutti gli operatori pastorali devono avere il Green Pass valido

Messa Comunione Mascherina
(foto SIR)

Indossare la mascherina Ffp2 durante le celebrazioni e le attività pastorali. È questo l’invito che le diocesi di Cuneo e di Fossano rivolgono ai fedeli. La nota di giovedì 13 gennaio, oltre a richiamare le norme e i protocolli già in vigore, riprende in sostanza le raccomandazioni della Conferenza episcopale italiana inviate a tutti i vescovi dopo il "decreto Omicron".
Per quanto riguarda le attività pastorali, solo per i concerti nelle chiese, le visite guidate nei luoghi di culto e i convegni aperti al pubblico è necessario il Super Green pass, e cioè la certificazione rilasciata ai vaccinati o ai guariti dal Covid-19.
Le disposizioni diocesane prevedono comunque che tutti gli operatori pastorali devono essere nella condizione prevista per avere un Green pass valido, in base alle norme stabilite dalla legge dello Stato per tutti i lavoratori, anche volontari: Green pass per accedere al luogo di lavoro (dal 1° febbraio obbligo di super Green pass per chi ha più di 50 anni).
Chi è sottoposto a quarantena o isolamento o sorveglianza deve rispettare le indicazioni date dalle autorità sanitarie (ad esempio, ai ragazzi in sorveglianza con testing per il tracciamento scolastico è sconsigliata la partecipazione al catechismo, pur risultando negativi al primo test, fino all’esito negativo del secondo test da effettuarsi cinque giorni dopo il primo).

Qui la nota completa.