Sguardi di fraternità per la Quaresima 2022

Le mete proposte dagli Uffici missionari delle diocesi di Fossano e Cuneo: progetti di solidarietà con Argentina, Mozambico, Tanzania, Etiopia, Centrafrica

Quaresima Di Fraternita 2022
L'immagine simbolo della Quaresima di Fraternità 2022

“Sguardi di fraternità” è lo slogan scelto dalle diocesi di Fossano e Cuneo per la Quaresima 2022: la proposta degli Uffici missionari diocesani è articolata in alcuni progetti e mete di solidarietà, con un focus speciale per l’Africa.
Scriveva a fine 2021 l’editorialista della rivista dei comboniani Nigrizia: “Il Covid-19 ha messo in ginocchio il continente africano. Non solo per quanto concerne il suo già fragile sistema sanitario. Ma, soprattutto, per la gravissima crisi economica innescata dalla pandemia. Come se non bastasse, si stanno acuendo le crisi armate che investono la macro regione subsahariana (Burkina Faso, Etiopia, Repubblica democratica del Congo, Repubblica Centrafricana, Mozambico, Somalia, Mali, Nigeria…) […] Nel frattempo, la ricchezza totale dei miliardari nel mondo ha raggiunto i 10,2 trilioni di dollari nel bel mezzo della pandemia. Da notare che i circa 2.000 mega miliardari che dominano le piazze finanziarie, detengono il 60% di tutta la ricchezza globale. Una ricchezza che è di gran lunga superiore a quanto possiedono i 4 miliardi e 560 milioni di persone dei paesi poveri, pari a oltre la metà della popolazione mondiale. Semplicemente immorale!”.
A maggior ragione, dunque, i nostri “sguardi di fraternità” non possono fermarsi ad una sterile compassione del cuore, ma vanno orientati ad una efficace, fattiva e concreta solidarietà. Sei i progetti per la quaresima di quest’anno elaborati dalle due diocesi.

Tre sono proposti dall’Ufficio missionario di Fossano:
• “La luce… per guardare oltre al dramma della pandemia”: il progetto coinvolge Don Giovanni Nota, don Elio Ricca e don Romano Allasia, i tre sacerdoti fossanesi “fidei donum” nella diocesi di Comodoro Rivadavia, nella Patagonia argentina.
• “La luce… di una casa comune”: nella diocesi di Tete, in Mozambico, operano padre Sandro Faedi, missionario della Consolata, e il medico saviglianese Laura Villosio per conto della Ong Cuamm (Medici per l’Africa).
• “La luce… di una presenza tra i bambini orfani”: in Tanzania, nella diocesi di don Godfrey Gwang’ombe, il sacerdote morto nell’aprile scorso. Il progetto è curato dalle suore diocesane a Shewa (città di Mbeya), dove è stato parroco don Godfrey.

Altrettanti progetti sono proposti dall’Ufficio missionario di Cuneo:
- “Occhi… per stare accanto ai poveri” in Etiopia, con il Movimento contemplativo missionario “padre De Foucauld” – Città dei ragazzi.
- “Occhi… per lasciar passare il Vangelo”, con il padre carmelitano Aurelio Gazzera in Mozambico.
- “Occhi… per indicare cammini di pace e sviluppo”, in Mozambico, con l’associazione cuneese di volontari laici Lvia.

Scarica la presentazione del percorso con i sei progetti