Avis Centallo: donazioni in crescita, ma i prelievi ora si fanno a Cuneo

La presidente Maria Angela Serale: “Le quattro sedute di prelievo a Centallo andranno conservate tra i ricordi più belli”

Avis Centallo

Tornano a crescere le donazioni di sangue degli avisini centallesi dopo il tracollo del 2020, dovuto a lockdown e alle restrizioni (e paure) legate alla pandemia. Nel 2021 sono state infatti 392. Rispetto all’anno precedente sono 28 in più, ma se si guarda al 2019 sono 47 in meno. Il disavanzo è stato illustrato lunedì sera 28 febbraio dalla presidente della Sezione di Centallo Maria Angela Serale, nel corso dell’assemblea annuale che si è tenuta nel salone del Movi. Le ragioni sono facilmente comprensibili: dall’anno scorso, infatti, non c’è più una sala prelievi a Centallo e i donatori devono spostarsi a Cuneo, Fossano o Savigliano. Maria Angela Serale invita a farci l’abitudine. “Dimentichiamoci i quattro prelievi all’anno a Centallo. Con la pandemia tutto è cambiato. E il mondo di prima non tornerà più: dovremo conservarli fra i ricordi più belli”.

Articolo completo su "la Fedeltà" di mercoledì 9 marzo