L’addio alla ginecologa fossanese Maria Viglietta

Una famiglia di medici. Il marito è il dr Franco Blandino

Viglietta Maria01

Saranno celebrati oggi, martedì 15 marzo, alle 15, nella chiesa di San Filippo in Borgo Vecchio i funerali della dottoressa Maria Viglietta, morta nella notte tra domenica a lunedì. Una famiglia di medici la sua. Fossanese doc, figlia di un grande medico di famiglia, il Dr. Roberto Viglietta, “padre” dell’Ospedale SS. Trinità e cofondatore dell’Avis fossanese, ha un fratello medico di base, Carlo, e ha sposato il Dr Franco Blandino, noto medico di medicina generale molto conosciuto a Fossano anche per la sua attività artistica come pittore e fumettista. Maria si era diplomata al Liceo Classico di Savigliano, per poi conseguire la Laurea in Medicina e Chirurgia all’Università di Torino nel 1975, e successivamente la specializzazione in Ginecologia e Ostetricia presso lo stesso Ateneo. Ha lavorato presso l’Ospedale Civile di Bra, poi all’Ospedale SS. Annunziata di Savigliano, come assistente prima e poi come aiuto primario fino al 1998. Ha lavorato nei Consultori a Cuneo e a Borgo San Dalmazzo e ha praticato la medicina specialistica ambulatoriale.  Successivamente ha esercitato la libera professione nel suo studio di viale Ambrogio da Fossano 4, dove si è affiancato a lei il Dr. Morelli, esperto di ecografia ostetrico e ginecologica e sterilità.

A fine 2019 ha iniziato il duro percorso terapeutico oncologico con grande coraggio e determinazione, senza far mancare mai il suo interesse e supporto alle tante pazienti. Solo in quest’ultimo mese ha dovuto arrendersi all’estrema stanchezza indotta dalla malattia e dalle relative cure, prima rarefacendo e poi  interrompendo le visite.

“Dolce di temperamento, era però risoluta e decisa nel lavoro, in corsia e in sala operatoria – così la ricordano i suoi cari -: un “capitano” che non chiedeva mai ad altri di fare più di quanto faceva lei, “trainante” sul personale del reparto. Con le pazienti sapeva essere dolce e un punto di riferimento sicuro”.  

Amante dei viaggi, dei libri e dell’enigmistica (fino ai Sudoku più difficili) soleva dire che “bisogna esercitare la mente per svilupparla”. Dedicava poi ore ed ore ad aggiornarsi costantemente.

Lascia il marito Franco Blandino, medico, e il figlio Marco, massaggiatore laureando in Fisioterapia.