Cussanio, una raccolta fondi per un nuovo tabernacolo (VIDEO)

L’appello del rettore don Pierangelo Chiaramello per questo intervento che conclude i lavori di riallestimento del Santuario realizzati per i 500 anni dalle apparizioni

“In questo nuovo anno sono tanti i desideri che io e i volontari portiamo nel cuore, compreso quello di veder conclusi i lavori che stanno portando il Santuario a riaprirsi alla comunità sotto una veste rinnovata. Grazie al contributo di tante realtà e Fondazioni, abbiamo iniziato nel 2019 un lungo cammino per trasformare il Santuario. Tante parti del Santuario sono state trasformate da accurati lavori di riallestimento e di restauro per trasmettere la bellezza tipica della Madre della Divina Provvidenza”.
Sono le parole del rettore del Santuario Madre della Divina Provvidenza, don Pierangelo Chiaramello, nella lettera inviata nelle scorse settimane agli amici del Santuario mariano fossanese che nel 2021 ha celebrato i 500 anni dalle apparizioni di Maria al povero Bartolomeo Coppa.
Tanti progetti, tanti lavori e tante iniziative. È un sogno che sta per concretizzarsi e per il quale il rettore chiede aiuto ai fedeli.
“Manca solo una ‘ciliegina sulla torta’ - scrive - qualcosa che sentiamo potrà lasciare un segno della bellezza e della pace che questo luogo genera”.
Ed ecco il progetto: “Abbiamo pensato ad un tabernacolo a forma di colomba ad ali spiegate, sospesa al centro della volta nello spazio del coro ligneo”.
Un’opera d’arte che andrebbe ad impreziosire l’area che si trova nell’abside, sul retro dell’altare maggiore occupata dal bel coro in legno risalente agli anni della presenza degli agostiniani al Santuario. Opera d’arte, ma anche e soprattutto tabernacolo per custodire il Santissimo e per trasformare quello spazio in luogo di silenzio e adorazione.
E di qui l’appello e il lancio di una raccolta fondi che rientra nel più ampio progetto della Fondazione Cassa di risparmio di Torino, “Santuari e comunità”.
“Abbiamo bisogno del tuo aiuto - spiega don Chiaramello -. Le diverse maestranze hanno stimato in 12.500 euro il valore del loro lavoro per realizzare il tabernacolo-ostensorio. Così insieme ad alcuni volontari ho pensato di scriverti perché questo ultimo passo per restituire il Santuario rinnovato alla comunità vorremmo farlo insieme a te! Certamente questa somma non sarà sufficiente a coprire tutte le spese, ma la Fondazione Cassa di risparmio di Torino si impegna a raddoppiarla se raggiungeremo questo traguardo”.
E aggiunge: “Per noi è chiaro che senza il tuo aiuto, il Santuario non potrebbe veder incarnare in quella colomba sospesa dietro l’altare il segno concreto della vicinanza della comunità alla Madonna della Divina Provvidenza”. 

Le offerte e le donazioni possono essere fatte in diversi modi:
Bonifico bancario (causale “Sulle ali del futuro”) Iban: IT 09S 06170 46320 000000062341
Versamento sul Conto corrente postale 12460127
Satispay “Santuario Madre della Divina Provvidenza” (oppure inquadrando il QR code)