Via Crucis cittadina, si prega per la pace in Ucraina e nel mondo

Lungo le strade che portano dalla chiesa dello Spirito Santo a quella del Salice

crocifisso

Torna dopo due anni di stop la Via Crucis cittadina. I fedeli delle parrocchie della città di Fossano sono invitati all’appuntamento programmato per venerdì 8 aprile: la Via Crucis inizierà alle 20,45 di fronte alla chiesa dello Spirito Santo e, dopo alcune “stazioni”, si concluderà sul sagrato della chiesa del Salice.
La Via Crucis affonda le sue origini nella pietà popolare verso il Cristo sofferente sviluppatasi fra il XII e il XV secolo. La memoria del pellegrinaggio lungo la via dolorosa percorsa da Gesù carico della croce a Gerusalemme, verso il patibolo del Golgota, è occasione per ricordare le tante vie dolorose che attraversano l’umanità di oggi. Quelle segnate dalle guerre, tutte le guerre del pianeta (ad alta e a bassa intensità), in particolare il terribile conflitto che devasta da quaranta giorni l’Ucraina, vittima di una feroce aggressione da parte della Russia. Nelle varie tappe lungo le vie che attraversano le parrocchie dello Spirito Santo e del Salice si rifletterà e si pregherà per la pace in Ucraina e nel mondo, a partire da una citazione del vangelo di Giovanni: “Rimetti la spada nel fodero; non berrò forse il calice che il Padre mi ha dato?” (Gv 18,11).
Sono invitati a partecipare tutti i parrocchiani delle comunità cittadine. Anche la Via Crucis può essere un segno di ripartenza, di speranza, di futuro…