Cei, l’uso delle mascherine resta raccomandato a messa e nelle attività al chiuso

Dal 1° maggio 2022 non è più necessario il Green Pass per le attività organizzate dalle parrocchie

Messa Comunione Mascherina
Fedeli in preghiera con la mascherina partecipano alla celebrazione eucarestica (foto SIR)

“L’andamento dei contagi risulta costante da qualche settimana e tale dato porta a confermare le indicazioni della Presidenza contenute nella comunicazione dello scorso 25 marzo facendo tuttavia presente che l’uso delle mascherine resta, a rigore, raccomandato in tutte le attività che prevedono la partecipazione di persone in spazi al chiuso come le celebrazioni e le catechesi, mentre resta obbligatorio l’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 per gli eventi aperti al pubblico che si svolgono al chiuso in locali assimilabili a sale cinematografiche, sale da concerto e sale teatrali”. Lo si legge nella Lettera inviata dalla Presidenza della Cei ai vescovi con alcune indicazioni circa l’utilizzo delle mascherine dal 1° maggio al 15 giugno 2022. La Lettera fa seguito all'ordinanza del ministro delle Salute Speranza.
Si segnala, tra l’altro, che a partire dal 1° maggio 2022 non è più necessario il Green pass per le attività organizzate dalle parrocchie. Parimenti non è necessario il Green Pass per l’accesso ai luoghi di lavoro dei lavoratori e dei volontari che collaborano.