San Giovenale, la città in festa

La città, la Chiesa locale, un’intera comunità che ritorna a far festa, insieme, ricordando il Santo patrono

San Giovenale Foto Costanza Bono 4 Copia
Foto Costanza Bono

La città, la Chiesa locale, un’intera comunità che ritorna a fare festa, insieme, ricordando il Santo patrono.
E se in oltre 700 anni di storia Fossano si è rivolta spesso a San Giovenale per scongiurare disastri, allontanare epidemie e chiedere grazie e intercessione, oggi più che mai la città ha bisogno di ritrovarsi dopo due anni di pandemia per ritrovare unità e guardare al futuro. E la festa patronale, in tutti i suoi aspetti, può essere un buon punto di partenza. 
Una festa che ritorna nella sua veste tradizionale (tradizione che è frutto di secoli di storia) con tutti gli elementi che la caratterizzano, dalla cerimonia dell’apertura della teca, alle processioni, l’ostensione delle reliquie del Santo vescovo di Narni contenute nel prezioso reliquiario quattrocentesco e l’elezione del nuovo rettore della Veneranda Compagnia di San Giovenale, la messa pontificale della domenica con la benedizione alla città. Accanto a questo e a corollario della festa religiosa, convegni, momenti di preghiera, ma anche il tradizionale concerto dell’Arrigo Boito, il luna park e la fiera di San Giovenale.

Il programma:

Sabato 30 aprile
ore 17,00 Cattedrale di Santa Maria e San Giovenale: solenne inizio della Festa patronale “Consegna delle chiavi e apertura del Sacello”.  
ore 17,30 Processione verso la chiesa della Ss. Trinità con il Reliquiario di San Giovenale.
ore 17,45 Vespri solenni ed elezione del Rettore.
ore 18,30 Eucaristia della 3ª domenica di Pasqua.
ore 20,45 Concerto di San Giovenale con la Filarmonica Arrigo Boito, diretta dal maestro Alessio Mollo. In Cattedrale (ingresso libero). L’evento è realizzato grazie al contributo di Cassa di risparmio di Fossano e Fondazione Crf, Fondazione Fossano musica e con il patrocinio del Comune di Fossano (è necessario esibire il Green pass ed indossare la mascherina).

Domenica 1° maggio
ore 09,45 Raduno alla chiesa della Ss. Trinità.
ore 10,00 Solennità di San Giovenale, vescovo e patrono della Città di Fossano. Messa stazionale presieduta da mons. Piero Delbosco, vescovo di Fossano e Cuneo: processione, ingresso in Cattedrale, offerta dell’olio e accensione della lampada votiva da parte del sindaco.
ore 11,30 Processione per le vie della città.
ore 17,00 Secondi vespri guidati dalle Comunità religiose della città.
ore 18,00 Cattedrale di Santa Maria e San Giovenale: Eucaristia nella solennità del Santo patrono, 3ª domenica del tempo di Pasqua.
Nella giornata, meteo permettendo, vengono esposti come da tradizione i quadri dei benefattori. Le facciate dei palazzi nobiliari della via maestra fossanese si trasformano in una pinacoteca a cielo aperto ospitando centinaia di tele con i ritratti di fossanesi che nei secoli hanno sostenuto le opere di carità cittadine. L’attuale patrimonio di quadri è di circa 600 tele, ma si calcola che la collezione fosse di quasi 2.000 pezzi.

Lunedì 2 maggio
ore 09,00 Messa per i defunti della Compagnia di San Giovenale.
ore 18,00 Solenne celebrazione eucaristica presieduta da mons. Pierangelo Chiaramello, vicario generale della diocesi di Fossano, in memoria degli Amministratori comunali e dei Volontari delle Associazioni cittadine deceduti nel corso dell’anno.
La fiera del lunedì si sviluppa lungo via Roma, viale Alpi e parte di viale Regina Elena.

Il servizio su la Fedeltà di mercoledì 27 aprile 2022.