“Ora risorse per eliminare le infiltrazioni, ma chiederemo i danni a chi li ha arrecati”

Il sindaco di Fossano su piazza Vittorio Veneto. La variante progettuale passa in Consiglio con tre astensioni

PIazza Vittorio Veneto

L’impegno di spesa di 166 mila euro era stato anticipato dalla Giunta il 16 giugno. Un paio di settimane dopo, il 28 giugno, è stato ratificato dal Consiglio comunale. Copre il nuovo investimento richiesto per eliminare le infiltrazioni d’acqua da piazza Vittorio Veneto al parcheggio sotterraneo, nuovo capitolo di un cantiere dalla storia senza (lieto) fine.

È il denaro che verrà assegnato a una nuova ditta, scelta sul Mepa (Mercato elettronico della pubblica amministrazione), per completare il rivestimento con guaine del parapetto sulla balconata, individuato come la causa delle infiltrazioni tuttora esistenti, e ultimare i lavori che non sono stati ancora realizzati o che sono stati realizzati male.

Lo stanziamento è stato approvato con tre astensioni: quella di Francesca Crosetti per Fossano Insieme e quelle di Enzo Brizio e Cristina Ballario per Centolampadine. Crosetti ha sostenuto l’opportunità di “accertare le responsabilità” prima di “sanare le manchevolezze”. Ballario ha espresso il rammarico per le risorse che dovrà (ancora) sborsare il Comune per “tamponare la situazione”. Anche Tiziana Airaldi (Forza Italia) si è detta “dispiaciuta” per la spesa, riconoscendo tuttavia la necessità di intervenire.

“Potevamo aspettare per conoscere le responsabilità - ha affermato il sindaco -, ma abbiamo pensato di sistemare subito il problema, anche per dare minor disagio possibile ai proprietari dei parcheggi interrati. Nello stesso tempo, ci siamo attivati per escutere la fidejussione (di 34 mila euro) dall’impresa e ora ci sarà la possibilità di chiedere i danni a chi li ha arrecati”, circostanza che - come ha voluto precisare l’assessore Angelo Lamberti - permetterà di recuperare in tutto o in parte le spese sostenute dal Comune.

Articolo completo su "la Fedeltà" di mercoledì 6 luglio