E-distribuzione ispeziona dal cielo le linee elettriche della Granda

Inizieranno il 20 luglio e proseguiranno fino ai primi di agosto, le ispezioni aeree svolte da E-Distribuzione, la Società del Gruppo Enel che gestisce la rete di media e bassa tensione. Nel dettaglio, verranno esaminati circa 1402 km di rete - nella sola provincia di Cuneo - per verificare lo stato delle linee elettriche di media tensione.
Il monitoraggio verrà effettuato attraverso un elicottero con sorvolo a bassa quota e con l’ausilio di tecnologie di ultima generazione. Grazie alla tecnologia Lidar, acronimo di Light Detection And Ranging, è possibile, infatti, scansionare la rete con una fotocamera e analizzare i punti in cui è ben conservata, in cui necessita di manutenzione o verificare la presenza di piante che interferiscono con le linee aeree.
È importante, infatti, rilevare la presenza di vegetazione in prossimità dei conduttori aerei per pianificare interventi mirati di taglio piante al fine di ridurre le probabilità di innesco di incendi e di interruzioni dovute a contatti accidentali, in presenza di vento o condizioni meteo avverse.
L’intervento sarà realizzato con le linee elettriche in tensione, senza ricorrere ad alcuna interruzione del servizio, e pertanto senza arrecare alcun disagio alla clientela. L'obiettivo dell’Azienda è, infatti, quello di ridurre il numero di interruzioni di corrente e migliorare sempre più la qualità del servizio elettrico offerto, predisponendo piani di intervento in grado di prevenire molte cause di potenziali disservizi.
“Le ispezioni aeree – dichiara Enrico Bottone, Responsabile di E-Distribuzione area regionale Piemonte e Liguria– rappresentano per E-Distribuzione un investimento economico e tecnologico importante, ma è un’attività fondamentale che ci permette di ridurre in modo significativo i tempi necessari per i controlli, di aumentarne l’accuratezza, e di evitare interruzioni del servizio. Grazie a questi monitoraggi, garantiremo a cittadini e imprese del territorio una rete elettrica affidabile e resiliente”.
Il sorvolo interesserà tutta l’area di Cuneo, comprese le valli, Alba, Mondovì e Ceva.