La festa di Murazzo torna a emozionare

Dopo due anni di fermo sono tornati i festeggiamenti nella frazione più popolosa di Fossano

Giro in Vespa a Murazzo

Ha fatto ritorno in grande stile una delle feste patronali più amate dai fossanesi e non solo. Murazzo ha “riscoperto” l’allegria che da tempo la caratterizza durante il periodo di inizio agosto.
Nonostante la festa sia iniziata ufficialmente il 3 agosto, l’entusiasmo è risultato evidente già dalla tipica e famosa cena con le “Penne all’arrabbiata” del 30 luglio: 500 persone hanno partecipato, portando non solo gioia, ma anche molti colori e tanti dolci, questi ultimi protagonisti della tradizionale gara culinaria di fine serata.
A dare il via alla festa è stata l’immancabile Corsa dei 400, organizzata dal team Sportification giunta alla sua 11° edizione, che questa volta è stata accompagnata dal 1° memorial Padre Dario, in onore del sacerdote che per quasi undici anni ha guidato la parrocchia scomparso nel 2020. Un clima gioioso, testimoniato dallo stesso Don Mario, il nuovo parroco della frazione, che, dopo aver benedetto la gara, ha preso in braccio un bimbo per poi partire di corsa lungo il percorso, salvo poi prendere furbescamente una scorciatoia, tra le risate generali del pubblico.
Ogni giorno, tra il 3 e il 9, è stato costellato da gare di carte, petanca o cene, ma il vero clou della festa sono state le serate musicali del venerdì, con Radio Number One, e del sabato, con l’immancabile Marco Marzi, che da anni attirano una moltitudine di giovani da tutta la provincia che si fermano a far festa in piazza fino a notte fonda. “Non è stato semplice organizzare tutto, soprattutto perché c’è stato un cambio di direttivo ed è trascorso molto tempo dall’ultima festa - racconta Daniel Ghigo, nuovo presidente della Proloco Murazzo - Per questo vorremmo ringraziare tutta la frazione per il suo supporto, i nostri amici e tutta la gente dei dintorni che ha partecipato così numerosa: ci avete riempito di orgoglio e di carica per continuare al meglio nei prossimi anni. Un sentito grazie anche a tutta la Proloco, soprattutto perché dopo due anni di fermo in molti potevano lasciarla, e invece sono rimasti tutti, anzi, si sono aggiunte nuove e giovani reclute”.
Il cielo plumbeo di domenica pomeriggio non ha impedito il giro in Vespa della frazione, organizzato in collaborazione con il Fossano Vespa Club. A conclusione della festa è tornato lo spettacolo pirotecnico accompagnato dalla musica a cui ha assistito un’enorme folla.
“È stato un grande ritorno in stile Proloco di Murazzo – dice ancora Daniel - Dopo due anni di pandemia, non ci sembra vero di essere tornati alle origini, a cose che in fondo sono veramente semplici e che, forse proprio per questo, ci mancavano davvero molto”.