Il mercato che resiste

foto Costanza bono

Mercoledì giorno di mercato. Occasione per fare acquisti, ma anche per tenere viva la comunità, per incontrare persone, per chiedere consigli agli ambulanti che da sempre vendono abiti, scarpe, casalinghi, prodotti alimentari. Ma anche un mercato che cambia e che deve fare i conti con chi invecchia e cessa l’attività e con internet, vera e propria spada di Damocle per chiunque lavori nel commercio.

Compresi i produttori agricoli, sono circa 230 i posti a disposizione nel mercato cittadino, che si espande tra viale Alpi, via Roma - ma una volta si allungava anche in parte di via Marconi - e piazza Castello. Continuano ad esserci due poli alimentari che tradizionalmente si definiscono “trainanti” anche per le altre categorie merceologiche

Servizio completo su La Fedeltà di mercoledì 18 ottobre