Gli atleti del Team Amico Sport splendono a La Spezia

Inizio di stagione in grande stile per gli atleti del sodalizio guidato dalla presidentessa Cristina Bernardi, che hanno ottenuto grandi risultati in quel di La Spezia, dal 12 al 15 ottobre, nelle sfide di atletica e basket ai Play The Games.

Andando con ordine, i cestisti di coach Federica Dutto hanno portato a casa, oltre al consueto bagaglio personale di esperienze e amicizie, una meritatissima medaglia d’argento. Questi i ragazzi speciali scesi in campo: il fossanese Simone Santini, Paolo Ballatore, Antonio Ghigo, Vincenzo Pace, Luca Pettavino, Marialuisa Piacenza, Stefania Ravinale, Silvano Revelli e Valerio Selleri. Atleti partner per l’occasione: Daniela Magnetto Alietta (per lei esordio assoluto in un evento Special Olympics), Katia Quebella e Luigi Rossomonte.

“Sono sempre bellissime esperienze per tutti gli atleti e per tutti noi volontari, ma non abbiamo molto tempo per gioire perché a fine novembre ci aspetta lo Special Olympics European Baskeball che ci vedrà impegnati a Borgosesia e quindi bisogna tornare subito a sudare in palestra - afferma coach Dutto -. A nome di tutto il team basket e della grande famiglia di Amico Sport, vogliamo mandare un grande “in bocca al lupo” al nostro atleta partner Gigetto (Luigi Rossomonte ndr.) per la nuova bellissima avventura che sta per iniziare lontano da noi”.

Il bagagliaio del pullman si è riempito di medaglie anche per merito dell’atletica con sette ori, sei argenti e cinque bronzi, oltre a due quarti posti, un quinto posto e tre partecipazioni. Il team Amico Sport ha schierato per l’occasione i fossanesi Marco Cravero e Giorgio Rosano, Fabio Testa di Levaldigi, Sergio Balbis, Samuele Borgna, Mattia Culasso, Donatella Dardanelli, Cristina Ferrero, Alessio Marchiò, Stefano Panero, Francesco Perra, Mara Rodengo, Sonia Sechi. Volontari accompagnatori: Cristina Bernardi, Alessia Romano, Valentina Sechi, Alessandra Chialvo, Mario Testa e Valter Rossi.

“Nonostante alcuni acciacchi temporanei che hanno impedito ad alcuni atleti di presentarsi al meglio - commenta Mario Testa -, il morale del gruppo è sempre stato alto e non sono mai mancati i sorrisi sui loro volti. Questo grazie anche al nutrito gruppo di volontari Special Olympics presenti all’evento e alle animazioni di clown e balli di gruppo”.