“La voce di Elisa” per sensibilizzare sul disagio psichico giovanile

Genola tappa della 2ª edizione del Festival del rumore

Dopo aver fatto tappa a Fossano, Savigliano, Saluzzo e Racconigi, venerdì 27 ottobre la seconda edizione del Festival del rumore approda a Genola.

La rassegna organizzata da “La voce di Elisa” in occasione della Giornata mondiale della salute mentale (10 ottobre) è un festival diffuso, capillare, che vuole diffondere e promuovere la consapevolezza e la difesa della salute mentale contro lo stigma sociale che ne deriva, in linea con l’obiettivo dell’associazione, che punta a radicare sul territorio la cultura del benessere psichico creando spazi di ascolto, intervento, condivisione, immaginazione, costruzione.

L’incontro di Genola: “Intervista a Elisa” accompagna il pubblico a conoscere la storia di Elisa, autrice del libro “Noi voci invisibili” (Le Château Edizioni, 2021). Una videoproiezione della sua intervista e il dibattito aiutano a far luce sul prisma del disagio psichico giovanile.

A chiudere il Festival, a Savigliano venerdì 27 l’evento musicale “Rumors - musica e food truck”: in apertura musica con dj e a seguire la band 12zero38.

“La voce di Elisa” ha, tra i suoi obiettivi, quello di creare una cultura del benessere e prevenzione del disagio psichico. La cura nasce dalle famiglie, dagli adulti, dai pari, dal tessuto sociale. La cura siamo noi. Dobbiamo solo imparare a farlo.

Per tutti questi motivi nasce il “Festival del rumore”: “Abbiamo deciso di farci conoscere, uscire dal coro, e fare rumore parlando della prevenzione e della salute mentale”, afferma Antonia Bassignana, socio fondatore de “La voce di Elisa”.

“Parlare di salute mentale è delicato, complesso, richiede alfabeti attenti e fantasiosi. Con questa seconda edizione del Festival abbiamo cercato di crescere, di pensare a eventi che possano rivolgersi a tutti percorrendo strade e modalità narrative diverse: se riusciremo a stimolare una riflessione anche solo in alcune persone, avremo raggiunto il nostro obiettivo” dice Mara Barcella, psichiatra referente del “Progetto Giovani” dell’Asl Cn1 e vicepresidente de “La voce di Elisa”.

Tutti gli eventi sono a ingresso libero. Per informazioni: www.lavocedielisa.org l.t.