Giochi di ruolo al Povero ragno sulle ali della fantasia

Ritrovo domenica 7 aprile al Povero Ragno con Dungeons & Dragons, il gioco di ruolo più famoso di sempre

Centallo Giochi di ruolo
I ragazzi di Hic Sunt Dracones

“La Gilda Hic Sunt Dracones non si assume alcuna responsabilità per la perdita di arti e/o altre parti/appendici corporee del personaggio da voi interpretato. La partecipazione è vivamente sconsigliata a chi soffre di allergie, mal di mare, sensibilità ai veleni e ha paura di maledizioni mortali”. Sono le avvertenze che i ragazzi di Hic Sunt Dracones hanno inserito in calce alla locandina dell’evento creato in collaborazione con il Povero Ragno di San Biagio di Centallo.

Domenica 7 aprile, dalle 15,30, il pub sanbiagese si trasformerà in una porta per un altro mondo, quello inventato dal gruppo Hic Sunt Dracones. Non il ritrovo di una setta, ma una giornata dedicata al più famoso gioco di ruolo di sempre, Dungeons & Dragons. “Ho avuto la fortuna di incontrare per caso questi ragazzi e subito ci siamo chiesti come tornare a usare la fantasia tutti insieme” racconta Elio Giacoma, proprietario del Povero Ragno insieme alla moglie Francesca Bracco. La “manica di nerd incontratisi per caso” è composta da Luca Falco e Valentina Papa (Cuneo), Andrea Aprile e Isabella Consolandi (Borgarino), Lorenzo Bertoglio (Genola), Davide e Alice Ballatore (Villafalletto), Michele Fanchino e Marco Arnaldi che hanno già avviato un progetto simile al Circolo Lionetto di Villanova Mondovì.
D&D - sigla del gioco - si basa sul principio del “facciamo finta che”, ma con regole e ambientazioni ben precise contenute in schede e tabelle. L’obiettivo non è vincere, ma creare una storia tutti insieme e far evolvere il proprio personaggio. In questo senso, risulta fondamentale la figura del master, il narratore che dà inizio alla storia con cui i giocatori interagiscono, andando ad aggiungerne elementi. Non solo, è anche l’arbitro super partes, intervenendo laddove le situazioni sono poco chiare. “Tutti possono essere master, ma è un ruolo che richiede elasticità mentale, fantasia e la profonda conoscenza delle regole di gioco”.

Articolo completo sulla "Fedeltà" di mercoledì 28 marzo