Maina, un campo fotovoltaico a Tagliata per l’autosufficienza energetica “green”

Sono partiti a Tagliata i lavori per un impianto da 1 Megawatt con 1.400 pannelli

Impianto fotovoltaico Maina

Nelle scorse settimane la Maina di Fossano ha avviato i lavori per la realizzazione di un impianto fotovoltaico su un terreno davanti all’azienda, in frazione Tagliata, ai confini con Tetti Chiaramelli. L’opera si affianca al cogeneratore già in funzione da diversi anni e consentirà all’azienda dolciaria di raggiungere la completa autosufficienza energetica in modo del tutto “green”, come sempre più richiesto dai clienti per i quali l’azienda produce dolci lievitati a marchio e dai consumatori finali, attenti alle tematiche relative alla sostenibilità ambientale.

L’impianto fotovoltaico, dalla potenza di circa 1 Megawatt e realizzato dalla ditta Albasolar, sarà composto da 1.400 pannelli bifacciali ad inseguimento del sole e permetterà all’azienda dolciaria di generare anche una positiva ricaduta in termini ambientali. L’energia prodotta in eccesso, che non verrà utilizzata da Maina per la sua produzione, sarà ceduta alla rete elettrica nazionale come energia pulita.

L’investimento complessivo è di circa 1 milione di euro e verrà ultimato nell’arco di qualche mese, con la messa in funzione dell’impianto entro il prossimo agosto.

“Appurata l’impossibilità tecnico-strutturale di operare sui tetti aziendali - dichiara Marco Brandani, amministratore delegato di Maina - abbiamo deciso di realizzare questo nuovo specifico investimento per essere sempre più sostenibili e rispondere, così, alle richieste dei nostri clienti e dei nostri consumatori finali che desiderano prodotti maggiormente green e meno impattanti sull’ambiente. Inoltre, l’utilizzo di energia ricavata da fonti rinnovabili è un requisito da soddisfare per la fornitura di numerosi operatori della Gdo italiana e internazionale per i quali Maina produce a marchio”.

Sulla "Fedeltà" di mercoledì 28 marzofotovol