Auditorium Forti Sani

Si ipotizza un futuro polifunzionale, tra sport e musica, per la struttura di piazza Milite Ignoto. Il sindaco assicura: “È e resterà un bocciodromo”

Forti Sani

Riqualificare la bocciofila Forti Sani, dopo averla messa in sicurezza adeguandola alle prescrizioni dei Vigili del fuoco, per farne una struttura polifunzionale a servizio della città. È la strada che l’Amministrazione Tallone ha deciso di intraprendere e che ha messo nero su bianco in una delibera approvata lo scorso 11 aprile, ipotizzando un investimento di 480 mila euro. Sabato 4 maggio, in Duomo, il sindaco ha esplicitato i contorni della polifunzionalità annunciando, in risposta a una sollecitazione di Enrico Serafini, presidente dell’Arrigo Boito, che “l’Amministrazione ha preso in considerazione la possibilità di realizzare un auditorium nei locali dell’attuale bocciodromo” che - ha puntualizzato successivamente - continuerà ad essere tale, "esattamente come il Palazzetto di via Mons. Soracco rimane un impianto sportivo, pur avendo ospitato più volte concerti ed eventi musicali".

L’operazione - di cui si parla da tempo - è condivisa dalla Fondazione Crf, che ha deliberato di finanziare le spese tecniche. La sfida è quella di riuscire a conciliare, nel concreto, le diverse esigenze, valorizzando la nuova destinazione musicale senza sacrificare quella tradizionale della Forti Sani, che continua a rappresentare un punto di riferimento sportivo, aggregativo e sociale per la città. 

Articolo completo sulla "Fedeltà" di mercoledì 15 maggio