Corrado Marchisio candidato a Cervere senza sfidanti

“Per il bene comune” è l’unica lista alle prossime elezioni

Sarà una corsa in solitaria quella alle prossime elezioni amministrative di Cervere, con la sola candidatura, per il terzo mandato, di Corrado Marchisio il 53enne sindaco in carica. Risultato scontato, quindi, a condizione di raggiungere il quorum del 40% degli aventi diritto con il 50% di voti validi tra coloro che si sono presentati alle urne.
Accanto a Marchisio ci sono alcuni consiglieri e assessori dell’attuale squadra: Stefano Bonino, 55 anni; Alberto Cornaglia, 51 anni; Giacomo Dotta, 46 anni e Laura Zavatteri di 51, unica donna in lista.
Molti anche i volti nuovi della lista “Per il bene comune”: Alessio Arnulfo, 23 anni, è già stato impegnato nel servizio alla comunità come parte attiva della Consulta giovani; Marco Ballatore, 25enne di Montarossa, è stato attivo in Pro loco Amici di Cervere; l’imprenditore 68enne Ferruccio Cornaglia aveva già avuto esperienze amministrative in passato; Andrea Costamagna, 30 anni, è un impiegato di Grinzano: noto animatore della Cuneo Volley è stato impegnato nei “Cavallini”, il gruppo di giovani che animano le attività della frazione; Simone Mana, 23 anni, è laureando in ingegneria di Tetti Paglieri.
“Da una parte si tratta di una linea di continuità, poiché mezza squadra è confermata e saprà concludere e rafforzare quanto abbiamo realizzato negli anni precedenti - dichiara il sindaco Corrado Marchisio -. Dall’altra è un punto di svolta, poiché innestiamo molte forze giovani che sapranno portare il loro entusiasmo e le loro aspettative. Una squadra composta di persone che hanno voglia di lavorare, come dice il nome stesso della lista, per il bene comune e che si mettono fin da ora a disposizione per ascoltare le esigenze del paese. Siamo da tempo convinti del fatto che viviamo un’epoca di grandi cambiamenti, di cui ci renderemo conto realmente soltanto tra qualche anno: vogliamo avere la miglior squadra possibile per interpretare quest’epoca di trasformazione e individuare le migliori soluzioni, sia per l’identità della comunità, che per il futuro dei cerveresi. Sarà una campagna elettorale improntata innanzitutto all’ascolto, ma i principi li abbiamo messi sul piatto fin da subito: cercheremo di dare vita a un quinquennio partecipato, dinamico, creativo, nel quale riverseremo tutto il nostro impegno per far sì che possa essere davvero quel trampolino che auspichiamo per le nuove generazioni. Avremo tempo e modo per ringraziare debitamente, uno a uno, quanti hanno lavorato tanto per l’Amministrazione in questi cinque anni. Oggi però il mio personale grazie è per quanti hanno voluto accordarmi fiducia partecipando a questo nuovo impegno per il bene comune. Non vediamo l’ora di cominciare”.