Spazzamondo: la Fondazione Crc premia Fossano e Genola

foto Costanza Bono

Ci sono Fossano e Genola tra i comuni premiati dalla Fondazione Crc per aver coinvolto il più alto numero dei cittadini nell'iniziativa Spazzamondo.

Per il quarto anno consecutivo, l’iniziativa “Spazzamondo. Cittadini attivi per l’ambiente”, ideata e promossa da Fondazione CRC, ha raggiunto numeri da record sia per la partecipazione, sia per la raccolta di rifiuti abbandonati. Sono state 20.000 le persone che hanno partecipato per ripulire città, quartieri e frazioni; 170 i Comuni della provincia che hanno aderito coinvolgendo i loro abitanti; 80 gli istituti scolastici partecipanti che riceveranno un buono per l’acquisto di attrezzatura scolastica. Il premio dedicato ai Comuni che hanno coinvolto il maggior numero di cittadini, suddivisi per fasce di popolazione, va a: Fossano, Cuneo e Villanova Mondovì tra i Comuni con più di 3 mila abitanti; Rifreddo, Genola e Tarantasca nella categoria tra 500 e 3 mila abitanti; Ceretto Langhe, Sale delle Langhe, Niella Belbo e San Damiano Macra tra quelli con meno di 500 abitanti.

18 le aziende partecipanti, tra cui saranno premiate per la partecipazione più numerosa: per Coldiretti, Agrimercato Città di Cuneo; per Confartigianato, System Impianti 2.0 srl di Genola; per Confcommercio, Monviso cafè di Danila Dastrù di Rifreddo; e per Confindustria, Huvepharma Italia srl di Garessio.

L’edizione 2024 di “Spazzamondo” ha raccolto un totale di 31,2 tonnellate di rifiuti abbondonati, che corrispondono a oltre 7.000 sacchi e ad un risparmio di 36,1 tonnellate di anidride carbonica. “Il primo grazie va a tutti i volontari, i Comuni e le istituzioni che hanno collaborato, alle scuole e ai tantissimi cittadini partecipanti e, da quest’anno, anche al mondo produttivo: la loro partecipazione e il loro entusiasmo fanno di Spazzamondo un appuntamento unico e particolarmente sentito – commenta Mauro Gola, presidente della Fondazione CRC –. La nostra comunità provinciale si conferma particolarmente sensibile sui temi ambientali e capace di attivarsi in prima persona per rendere i propri luoghi più belli e puliti: un aspetto che caratterizza molte iniziative della Fondazione CRC e che vogliamo ulteriormente sviluppare nel futuro, nel quadro degli obiettivi di sviluppo sostenibile proposti dall'agenda ONU 2030