Un pulmino elettrico in dono al volontariato

Verrà utilizzato per il trasporto degli ospiti da e per il Centro diurno Santa Chiara

Svaf - Santa Chiara pulmino elettrico

“Il volontariato che cos’è? Far del bene agli altri, certo. Ma è anche far del bene a noi stessi. È godere del tempo che condividi con le persone che aiuti. È dare e ricevere, non è un sacrificio”. Sono le parole pronunciate con passione da Mauro Capraro, presidente dello Svaf, e si rispecchiano in quelle di Luca Miglietti, presidente della cooperativa “Il ramo”: “Non sprechiamo il tempo che abbiamo da vivere”, ma “doniamolo agli altri: è un regalo che facciamo a noi stessi e alla qualità della nostra vita”.

Insieme, riassumono il senso dell’incontro di venerdì 28 giugno al Centro diurno Santa Chiara di via Villafalletto, dove è stato inaugurato - con benedizione impartita dal vicario don Flavio Luciano - il nuovo pulmino elettrico che servirà per portare gli utenti dalle loro case al Centro, e viceversa: un servizio di trasporto che viene garantito da un gruppo di autisti volontari, prevalentemente pensionati, che fanno capo allo Svaf, in collaborazione con la cooperativa “Il ramo” della Comunità Papa Giovanni XXIII.

Articolo completo sulla "Fedeltà" di mercoledì 3 luglio