Attualità
stampa

L’addio commosso a Rinuccia Aimetta

Impegnata da sempre nella formazione di fidanzati e sposi, insieme al marito Guido si è occupata della nascita e diffusione di Retrouvaille in Italia. È morta venerdì scorso a 66 anni 

L’addio commosso a Rinuccia Aimetta

Rinuccia Aimetta, 66 anni, è morta venerdì scorso all’ospedale Carle, dov’era ricoverata da alcune settimane per le complicazioni di una malattia rara che da sette anni l’aveva costretta a continui ricoveri, dialisi, trapianto di cellule e altri interventi che non avevano prodotto miglioramenti significativi. 

Una situazione che ha condizionato fortemente gli ultimi sette anni di vita di Rinuccia e Guido, i quali tuttavia hanno saputo trovare in questo “cambiamento forzato” un nuovo motivo di meraviglia, come ha raccontato con tenerezza Guido nella sua ultima lettera alla moglie. 

Dipendente Enel, Rinuccia aveva lavorato intensamente, a livello ecclesiale, insieme a Guido, nella formazione delle coppie, sia con i fidanzati che con i coniugi (sono stati tra i primi responsabili di Incontro matrimoniale, zona Fossano Cuneo) e con le coppie in difficoltà (Rinuccia e Guido sono stati i primi coordinatori nazionali di Retrouvaille).

 

Su La Fedeltà di mercoledì 10 ottobre il ricordo del marito Guido e di tanti amici.

L’addio commosso a Rinuccia Aimetta
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento