Attualità
stampa

Pizzul: "Queste situazioni ci fanno vergognare di fronte al mondo"

"Buu" razzisti a San Siro durante Inter-Napoli. Per tutta la durata della gara il giocatore senegalese del Napoli, Koulibaly, è stato oggetto di ululati da parte di una frangia della tifoseria nerazzurra

Parole chiave: calcio (164), razzismo (8), xenofobia (3)
Pizzul: "Queste situazioni ci fanno vergognare di fronte al mondo"

“Una grande amarezza. Purtroppo il problema è ben lungi dall’essere risolto ma per forza di cose vanno prese delle sanzioni dure da far rispettare fino in fondo. Siamo davanti ad un segno evidente della grande maleducazione imperante nella nostra società prima ancora che nei nostri campi di calcio”.  “Situazioni di questo tipo dentro i nostri stadi ci fanno vergognare di fronte al mondo”. Non usa mezzi termini Bruno Pizzul, giornalista sportivo e storico telecronista, la cui voce ha raccontato per anni le partite della nostra nazionale, per commentare al Sir quanto accaduto ieri sera a San Siro, durante la partita Inter-Napoli, con il giocatore partenopeo Kalidou Koulibaly fatto oggetto di una serie di cori razzisti da una parte della tifoseria di casa. Il difensore del Napoli durante la gara è stato prima ammonito e poi espulso all’80°, con la partita ancora sullo 0-0, per una trattenuta ai danni di Politano che stava puntando la porta. Fallo che è stato accompagnato da ulteriori “buu” razzisti. L’applauso di Koulibaly all’arbitro Mazzoleni è costato al giocatore il secondo cartellino giallo e relativa espulsione. A nulla sono valse le richieste all’arbitro, ben tre, dell’allenatore del Napoli, Carlo Ancelotti, di sospendere la partita per cori razzisti... continua a leggere

Fonte: Sir
Pizzul: "Queste situazioni ci fanno vergognare di fronte al mondo"
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento