Le parole per dirlo
stampa

07.05.2014

“Quando lasci che ogni tuo desiderio venga soffocato, il tuo cuore rischia di accontentarsi proprio delle cose che hanno meno valore” (Cristiano Ghibaudo, formatore, 1977)

Ho letto oggi il libro di un carissimo amico (C. Ghibaudo, Il libro del talento). Ad un certo punto l’autore dice: “Quando lasci che ogni tuo desiderio venga soffocato, il tuo cuore rischia di accontentarsi proprio delle cose che hanno meno valore” (p. 55). Oggi è festa e piove. Nel primo pomeriggio volevo andare a fare una camminata lungo Stura. Era da giorni che avevo questo desiderio. Vedere la pioggia scendere mi ha fatto abbastanza arrabbiare. E, come reazione, non avevo voglia di fare nulla. Mi sono seduto in poltrona a leggere il giornale e stavo per passare due ore a far poco. Poi ho preso in mano questo libro appena uscito ed è rinata la curiosità. Il desiderio di conoscere mi ha fatto passare un pomeriggio intenso. Ancora una volta ho toccato con mano che ogni giorno devo lavorare per non lasciarmi soffocare i desideri più veri, quelli che riempiono la vita.
Ma quali sono i desideri più veri? In genere sono di tre tipi: desideri di relazione, di generazione, di senso. Abbiamo bisogno di lottare per costruire relazioni, per generare qualcosa di utile agli altri, per trovare un significato ai nostri giorni. Siamo vivi fino a quando abbiamo voglia di curare le relazioni in atto, di crearne di nuove. Siamo vivi fino a quando ci spendiamo per fare qualcosa di buono, per combinare qualcosa di valido. Siamo vivi fino a quando non ci accontentiamo di correre, ma ci chiediamo il motivo del nostro correre.
Ti auguro di nutrire questi desideri nel tuo cuore. Buon cammino.

Forse ti può interessare anche:

07.05.2014
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.